Testi delle Canzoni

Figlio di padre musicista, cresciuto da bambino fra suonatori, prove, chitarre e pianoforti, adolescente al tempo dei Beatles (mentre esplode il fenomeno del “Beat”, della musica pop, insieme al rock, al blues, al jazz, ecc.) comincia a suonare la chitarra e il basso. Nel 1999 si iscrive alla Siae per depositare le canzoni che va componendo (testi e musica). Oppure fa delle jam musicali con qualche amico, suonando anche la chitarra o le tastiere. Musica come disegnare, dipingere, scolpire, in sintesi.. creare.


A l’ala lì e lom, a l’ala lì e lom, a l’ala lì, a l’ala lì e lom,
a l’ala lì e lom, a l’ala lì e lom, a l’ala lì, a l’ala lì e lom,
i la luntan, i la luntan, i la luntan u j é la lona,
la lona nera l’an fa e lom, la lona nera l’an fa e lom,
u j e e’ falo, e’ falo s’u n’ piov, e quand ch’ e’ piov e’ piov la lona,
u j e e’ falo, e’ falo s’u n’ piov, e quand ch’ e’ piov e’ piov la lona,
lozla lozla paganela, lozla lozla paganela,
intut d’e’ zil e ven in tera, met la braja a la cavea
lozla lozla paganela, lozla lozla paganela,
tut d’e’ zil e ven in tera, met la braja a la caveja

A l’ala lì e lom, a l’ala lì e lom, a l’ala lì, a l’ala lì e lom,
a l’ala lì e lom, a l’ala lì e lom, a l’ala lì, a l’ala lì e lom,
la vi l’ è longa, l’é longa e stila, s’u gn’é la lona uj vo e’ lom,
la vi l’ è longa, l’é longa e stila, s’u gn’é la lona uj vo e’ lom,
e va pu’ l’om, e va a lom amort e va pu’ l’om, e va a lom amort,
la lus d’incu’ a chi farala lom, la lus d’incu’ a chi farala lom!
E l’om u n’é e’ lom, e l’om u n’é e’ lom, e l’om u n’e, e l’om u n’é e’ lom!
A l’ala lì e lom, a l’ala lì e lom, a l’ala lì, a l’ala lì e lom,
a l’ala lì e lom, a l’ala lì e lom, a l’ala lì, a l’ala lì e lom!

Ce l’ha lei la luce, ce l’ha lei la luce,
ce l’ha lei, ce l’ha lei la luce,
ce l’ha lei la luce, ce l’ha lei la luce,
ce l’ha lei, ce l’ha lei la luce?

Là lontano, là lontano,
là lontano c’è la luna,
la luna nera non fa luce,
la luna nera non fa luce.

C’è il falò, il falò se non piove,
e quando piove piove la luna,
c’è il falò, il falò se non piove,
e quando piove piove la luna.

Luccica luccica paganella (1)
luccica luccica paganella,
scendi dal cielo e vieni in terra,
metti la briglia alla “caveja” (2)

luccica luccica paganella,
luccica luccica paganella,
scendi dal cielo e vieni in terra,
metti la briglia alla “caveja”.

Ce l’ha lei la luce, ce l’ha lei la luce,
ce l’ha lei, ce l’ha lei la luce,
ce l’ha lei la luce, ce l’ha lei la luce,
ce l’ha lei, ce l’ha lei la luce?

La via è lunga, lunga e sottile,
se non c’è la luna ci vuole un lume,
la via è lunga, lunga e sottile,
se non c’è la luna ci vuole un lume,

e l’uomo va, va a luce spenta,
e l’uomo va, va a luce spenta,
la luce di oggi chi illuminerà,
la luce di oggi chi illuminerà!

L’uomo non è la luce, l’uomo non è la luce,
l’uomo non è, l’uomo non è la luce!

Ce l’ha lei la luce, ce l’ha lei la luce,
ce l’ha lei, ce l’ha lei la luce,
ce l’ha lei la luce, ce l’ha lei la luce,
ce l’ha lei, ce l’ha lei la luce?


(1) Paganella = la femmina del pesce “paganello”

(2) Caveja = simbolo della Romagna contadina, è un perno con doppia anella utilizzato nel giogo dei buoi

Troppe tivù computer, telefonini
ci stanno mutando nel profondo
messaggi veloci, senza significato,
una nuova religione che
celebra i suoi riti coi propri sacerdoti,
attori, giornalisti, soubrette, presentatori.
Fra pianti e sorrisi, quest’uomo che si perde,
che si beve tutto quello che gli vendono senza pudore.
La falsa carità giocata sul dolore,
miserie e sofferenze, tutto per gli indici di ascolto
ma questa pietà è solo recitata,
e non ci sono più persone vere.
Quest’umanità figlia di un mercato,
gente che ha venduto la propria dignità,
donne e bambini, ventri obesi, tutti nudi a telecomando
per la gioia dello sponsor che li paga.
Servitori inconsapevoli
di un misero signore
che vive con lo scopo di depredare le coscienze,
nell’abbagliante illusione di onnipotenza,
nel delirio di bestiali infamità,
perduto nel rimpianto di nuove oscenità.
Il cuore che trabocca di falsa emozione.
Ma la vita fugge via da questo mondo disumano.
E io che sto cercando il posto giusto a l l e parole
per scoprire nel profondo il silenzio che
nell’anima tua incorruttibile
dietro tutto questo splende sempre sai
è la speranza che non muore mai,
anche se non sempre tu lo sai.

Polvere e vento mi portano qua,
cieli smaglianti che guardano te,
voci di bimbi, un’eco lontana,
come aquiloni nell’aria leggeri,

sono pensieri che vengono fuori,
luce nell’alba che accende i colori,
suoni nascosti dai mille sapori,
apro la mano a petali oscuri…

Neri gli abissi che portano qua
e le promesse che un giorno verrà,
giovani cuori plasmati da chi
semina l’odio nel nome di Allah!

Aah,
ah Kandahar, Afghanistan,
Jalalabad, Mazir i Sharif,
Ah, Kabul, Afghanistan,

burqa severi nascondono visi,
contemplano mani e sognano bambini,
barbe imbiancate che ridono ancora
di giovani vite spezzate così…

Fiocchi di neve che scendono al buio,
mani gelate che implorano pace,
voci di bimbi, un’eco lontana,
come aquiloni nell’aria leggeri,

Aah,
ah Kandahar, Afghanistan,
Jalalabad, Mazir i Sharif,
Ah, Kabul, Afghanistan,

Aah,
ah Kandahar, Afghanistan,
Jalalabad, Mazir i Sharif,
Ah, Kabul, Afghanistan!

Dust and wind are carrying me here,
shining skies are looking to you, children’s voices, a far echo,
as light kites in the air,

thoughts that are coming out,
light in the dawn lighting colours,
hidden sounds in thousand flavours,
I open my hand to dark petals…

Black abysses are carrying me here
and the promise that a day will be,
young hearts moulded from who
spreads the hate in the Name of Allah!

Aah,
ah Kandahar, Afghanistan,
Jalalabad, Mazir i Sharif,
Ah, Kabul, Afghanistan,

severe burqas are hidding faces,
are gazing at hands and are dreaming childrens,
grey beardes are still laughing
at young lifes broken like that…

Snowflakes are falling in the dark,
frozen hands are imploring the peace children’s voices, a far echo,
as light kites in the air,

Aah,
ah Kandahar, Afghanistan,
Jalalabad, Mazir i Sharif,
Ah, Kabul, Afghanistan,

Aah,
ah Kandahar, Afghanistan,
Jalalabad, Mazir i Sharif,
Ah, Kabul, Afghanistan!

Africa, Africa,
Dans mon pays il y a trop de soleil et rien a manger,
tout le jour travailler pour trouver un peu d’eau
Africa, terre de guerre Africa, et d’animaux
Money money money money money on n’en trouve pas
Money money money money money on n’en trouve pas

Et la vie est dangereuse pour moi et pour mes parents
et la vie est fatigante pour moi et pour les enfants
Je voudrais m’en fuir, je voudrai m’en aller
pour trouver une solution, pour trouver ma liberté!

Si tu veux je peux t’aider a trouver une solution,
je t’emmenerai dans une autre terre magnifique,
qui s’appelle Italie, Italie,

C’est un beau pays pour y vivre toi aussi,
c’est un beau pays pour les femmes,
tu peux trouver aussì l’amour,
tu peux gagner pour ta famille,

Italie, tous les jeunes aiment l’amour, Italie,
Money money money money money en Italie,
Money money money money money en Italie.
Il y a beaucoup de travail, on peut y gagner beaucoup d’argent,
il y a aussi une bonne musique et le soleil n’est pas méchant

Mais alors quand tu es arrivée,
il y avait seulement une autre musique,
et tu sais que tu ne vas pas gagner l’amour,
mais vendre toi meme comme une esclave

Et tous le jours de la semaine tu dois faire l’amour,
mais au fond du cœur il y a un reve de soleil et de liberté,
une chanson qui toujours dit:

Africa, Africa
Terre du lion et de la liberté, grande mére courage
Africa, c’est ma maison, Africa, c’est mon pays
Que’est ce que je fais moi ici? Je ne suis pas une esclave,
je veux retourner dans mon pays, je veux retourner a ma liberté
Africa, Africa…

Africa Africa
nel mio paese c’è troppo sole
e niente da mangiare
Si lavora tutto il giorno
per un po’ d’acqua
Africa, terra di guerre
Africa, e di animali

Soldi soldi soldi soldi soldi non ce n’è
Soldi soldi soldi soldi soldi non ce n’è

E la vita è pericolosa
per me e i miei genitori
E la vita è faticosa
per me e per i bambini
Io vorrei fuggire
vorrei andarmene
per trovare una soluzione
per trovare la mia libertà

Se vuoi io ti posso aiutare
a trovare una soluzione
Ti porterò in un’altra terra
splendida che si chiama

Italia, Italia,
è un buon paese per viverci anche tu
è un buon paese per le donne,
puoi trovarci anche l’amore
puoi guadagnare per la tua famiglia
Italia, tutti i giovani amano l’amore, Italia

Soldi soldi soldi soldi soldi in Italia
Soldi soldi soldi soldi soldi in Italia
C’è molto lavoro
puoi guadagnare molti sold,
c’è anche della buona musica
e il sole non è male.

Ma quando sei arrivata
c’era solo un’altra musica,
e sai che non vai a trovare l’amore,
ma a vendere te stessa come una schiava.
E tutti i giorni della settimana
devi prostituirti ma nel fondo del cuore
c’è un sogno di sole e di libertà,
una canzone che dice sempre

Africa, Africa,
terra del leone e della libertà
grande madre coraggio
Africa è la mia casa
Africa è il mio paese
Cosa faccio io qui?
Io non sono una schiava
Voglio tornare al mio paese
voglio tornare alla mia libertà
Africa, Africa.

Africa, Africa,
In my country there’s too much sun
and nothing to eat.
You work all day
for just a drop of water.
Africa, land of conflict,
Africa, land of animals

There’s no money, money, money, money, money,
There’s no money, money, money, money, money.

Life is dangerous
for my parents and me.
Life is hard
for me and my children.
I’d like to escape,
I’d like to leave
to find a solution,
to find my freedom

If you want, I can help you
to find an answer,
I’ll take you to another land,
a wonderful country called

Italy, Italy,
it’s a good place for you to live,
it’s a good place for women,
you could even find love,
even earn some money for your family
.
Italy, everybody loves Italy

Money, money, money, money, money in Italy,
money, money, money, money, money in Italy.

There’s plenty of work,
you could make lots of money.
There’s some good music too
and the sun’s not too bad.

But when you arrived,
there was another kind of music,
and you know that you’ll never find love,
but sell yourself as a slave.
Every day of the week you must be a whore,
but deep down in your heart
there is a dream of sunshine and freedom,
and a song that keeps saying


Africa, Africa,
Land of lions and liberty.
Great mother courage,
Africa is my home,
Africa is my country.
What am I doing here?
I am not a slave,
I want to go home
to my country and my freedom.
Africa, Africa.

Io, cosa sono io,
io, ma cosa sarà mai,
questo io che mi parla e confonde
con mille domande
Io, noi, esse, loro, tu e voi, tutti in coro
stiamo cercando risposte nella moltitutine

Intorno a noi fra mille luci incredibili
io che cerco un confine che
si possa varcare senza una scusa
e noi, come voi, siamo soltanto
persone che fingono
una identità
che si confonde con la libertà

Io sono io, oppure questo io,
è qualcosa che è già stato
raccontato, consumato, forse inventato.
Io sono io, oppure questo io,
è un altro è una moltitudine,
persa nella solitudine

O mio Dio, odio questo io,
perché in fondo ciò che chiamo io
è soltanto il frutto
dell’amore di un momento,
affidato al caso come al vento
che sparge il polline di mille
fiori che sanno soltanto
ripetere le condizioni,
per fare sì che non si perda
la specie fra mille pericoli…

Io ich je moi a n i – i
ich I ja ahman i – o – o
e g o – o – o – o – o – o

je moi ich a – n – i – i

Con tutto questo sesso abbiamo perduto l’amore,
non si può più andare con la figlia del dottore…
Tre civette sul comò, che facevano l’amore,
il dottore si ammalò, ambarabà ciccì coccò.
Com’è successo, dopo tanto parlare di sesso
e proprio adesso, che dormo male e son depresso,
tu vieni a cercarmi qui,
tu vieni a implorarmi così.
In questo modo, mi sento soltanto un approdo,
un diversivo, al massimo un lassativo.
Tu non hai bisogno di me,
tu non vieni solo per me…
E allora io mi scelgo questo mambo
che mi scende dalle gambe
fino a quando non rimango senza fiato, ma,
come vedi io non ti trattengo,
ma rimando le domande fino a quando la canzone finirà…
Tre civette sul comò, che facevano l’amore,
il dottore si ammalò, ambababà ciccì coccò!
E proprio adesso, che dormo male e son depresso,
ma proprio adesso, che dovevo andare al cesso,
tu vieni a cercarmi qui,
tu vieni a implorarmi così.
E allora io mi scelgo questo mambo
che mi scende dalle gambe
fino a quando non rimango senza fiato, ma,
come vedi io non ti trattengo,
ma rimando le domande fino a quando la canzone finirà…
Tre civette sul comò, che facevano l’amore,
il dottore si ammalò, ambarabà ciccì coccò,
tre civette sul comò, che facevano l’amore,
il dottore si ammalò, ambarabà ciccì coccò.

In questa primavera che ritorna anche in città
e vaga alla ricerca vana della libertà,
ricordi, considerazioni e sensazioni che
riempiono la tua memoria anche senza un perchée

ti aggrappi a quelle immagini che
sono solo l’anticamera di
sogni che nessuno si sogna più,
come briciole che cadono giù…

A-amico mio,
oggi non è certo il caso di
andare in fondo a sentieri che
possono solo portarci lontano,

noi che facciamo fatica a scambiarci
un saluto o una stretta di mano
e siamo solo il riflesso sbiadito di un
giorno lontano di un tempo che fu.

Io non mi illudo che la storia che è passata di qua
abbia lasciato dei ricordi che non passano più,
rivedo spesso immagini sbiadite di un tempo che
aveva un suo profumo, un suo motivo e anche un perché

e mi trovo all’improvviso così
con le mani nelle mani a parlare di
sogni che nessuno si sogna più,
come briciole che cadono giù…

A-amico mio,
anche oggi è passato così
e mi domando se io
potessi rivivere almeno un ricordo,

io vorrei ritornare in cortile
e sentire quel vento di mare,
io vorrei ritornare bambino a
sognare quel mare con te,

io vorrei ritrovare il profumo
di prati bagnati e del sole d’estate
e ascoltare di nuovo il mio cuore
bambino aspettare il domani con te…

Angoli di cielo
passano veloci,

a volte si fermano
nelle nostre voci,

note purissime,
echi lontani,

aghi di luce
persi nel buio…

Le nostre solitudini
alla ricerca di

spazi immensi per
non incontrarsi mai,

sogni indecifrabili
volano sulla pianura,

segni irreversibili
come di chi ha paura…

E le nostre menti come eserciti nemici
si fronteggiano in attesa del segnale,

piccoli momenti che scivolano via, ma
lasciano frammenti di un sapore che non se ne va…

Come ragnatele noi
siamo nella polvere,

provi a non pensare, ma
è del tutto inutile,

tornano i ricordi e
aprono ferite che

non si sanno e non si
vogliono rimarginare…

Fai pure la somma di due come noi
e poi dimmi pure se lascia un resto o no
Io non sono qui per comprare te, ma
tu avevi detto che ti interessava un tipo come me
Ma quanto mi costi tu, questo non lo so,
so che son perduto ma non mi arrenderò.
Ehi bambolina tu forse non lo sai,
ma se io volessi mi potressi anche comprare
altre venti o trenta donne belle almeno più di te
Forza bambolina vieni qui, su dai bambolina non fare così
Forza bambolina questo è un gioco tu lo sai,
qui si vince, qui si perde ma tu non ti arrendi mai,
ma se io volessi mi comprassi tante donne
che poi non sapessi più che cosa farmene di te,
ma se io fischiassi, sai le donne come i sassi,
anche contro la sintassi poi venissero da me.
Ma tu mi senti, o pensi solo
quel che pare e piace a te.

Prova a domandarti se siamo in pari o no,
forse scopriresti che sei in debito con me
Sei in debito con me, quando tu mi pagherai
finiranno tutti i guai
Ehi bambolina, ba, ba bambolé,
ehi bambolina, ba, ba, bambolé!
Ti potresti fare avanti, io non cerco degli sconti,
ma se gli sbagli sono tanti non importa che li conti
Non devi piangere lo sai, perché uno come me
non ci cascherebbe mai
Ehi bambolina, ba, ba bambolé,
ehi bambolina, ba, ba, bambolé!
Ma cosa ci faccio qui in ginocchio
che piango davanti a te,
forse mi hanno fatto la macumba,
mi hai stregato proprio tu
Ehi bambolina, ba, ba bambolé,
ehi bambolina, ba, ba, bambolé!
Ma cosa ci faccio qui in ginocchio
che piango davanti a te,
forse mi hanno fatto la macumba,
mi hai stregato proprio tu
Ehi bambolina, ba, ba bambolé,
ehi bambolina, ba, ba, bambolé!

Nothing to sing for,
nothing to believe,
nothing to die for,
nothing to love.

All my life is junk,
like a jangle in a church.

All my time uselessness,
all my life biology,
all my world is an empty space,
all my mind is a vacant lot.

And the colour of the sky,
dirty grey all over me,

When I met you, in the night,
l was in pain,
like a beggar on the street,
at the sunset of my life.

And you, like a mother,
took me out of destruction.

And l could discover
who l really was,
now l can have a dream
about your love.

Baby, baby, my sweet love,
baby, baby, l love you,

and you take me out of destruction,
and bring me to another world,
and the passion changed all my life,
like the fireworks in the night.

All my time l live for you,
all my night l dream of your love,

and the passion changed all my life,
like the fireworks in the night,
with my heart l believe in you,
l have found my soul with my love,

and the passion changed all my life,
like the fireworks in the night,
with my heart l believe in you,
l have found my soul with my love.

Come ogni sera ci troviamo in riva al mare,
per dimenticare le giornate da buttare,
nella nuvola di fumo di un locale messicano,
fra la musica di tabla, basso e percussioni,
c’è una ragazza nera che sculetta in primo piano,
un cameriere smemorato che naviga smarrito,
col suo toscano spento, da fumare piano piano,
fra donnine da esibire, o da commerciare.

Ahi, questa musica, com’è poco logica,
ma dove siamo noi va bene così,
ehi ehi, bella marinara, ehi ehi, questa sera,
ehi ehi, cerco compagnia, ehi ehi, voglio te!
E’ così che va l’amore in questi posti qua,
noi non siamo di sicuro gente di città, mmmhhh…
Nel cortile senza luce un’ombra scivola veloce,
fra casse di birra, fuoristrada, sedie intirizzite,
e la Veronica balla con la fisarmonica,
balla balla balla, balla ballerina, fino a domattina
!

“Cameriere quella birra, cameriere la tortilla,
cameriere la tequila, cameriere da fumare!”
“Ehi gridate piano, non son mica Superman,
fumo non ne vendo, non ne ho neanche per me!”
“Voglio ancora un’ultima canzone, per scaldarmi un po’,
in questa notte fredda e buia, sola come me.”
Eccolo che arriva un ritmo sudamericano,
esplode all’improvviso tra schiamazzi e battimani…

Ahi, questa musica, com’è poco logica,
ma dove siamo noi va bene così,
ehi ehi, bella marinara, ehi ehi, questa sera,
ehi ehi, cerco compagnia, ehi ehi, voglio te!
E’ così che va l’amore in questi posti qua,
noi non siamo di sicuro gente di città! Mmmhhh…

Il cameriere smemorato accende il suo toscano,
la ragazza nera dorme sul divano,
ahi, questa musica, com’è poco logica,
ma dove siamo noi va bene così,
ehi ehi, bella marinara, ehi ehi, questa sera,
ehi ehi, cerco compagnia, ehi ehi, voglio te!
Ehi ehi, bella marinara, ehi ehi, questa sera,
ehi ehi, cerco compagnia, ehi ehi, voglio te!

Every evening, as usual, finds us here by the sea,
trying to forget the bad old days
in the smoke-clouds of a Mexican bar.
Close-by a black girl sways her hips to the music
of tablas, bass and percussion.
An absentminded waiter wanders aimlessly,
with his unlit cigar which he smokes very slowly,
between ladies to show and ladies to sell.

Ay! this music has no logic,
but from over here it’s just fine.
Hey, hey, lovely sailor girl hey, hey, tonight
hey, hey I’m looking for company hey, hey, I want you.

That’s how love goes down here.
We’re not your city gents for sure, hhhmmm…
In the darkness of the courtyard,
a shadow steals quickly away,
through the cases of beer, jeeps and stiff chairs,
and Veronica’s dancing to the harmonica
dance, dance, dance ballerina, till the morning comes.

“Waiter what about that beer, waiter my tortillas,
waiter some tequila, waiter something to smoke!”
“ hey, don’t shout so loud, I’m not Superman,
I’ve nothing to smoke myself, let alone sell!”
“ Give me just one more song to warm me up a bit
it’s cold and dark tonight, and lonely just like me.”
Suddenly a Latin–American rhythm bursts forth
through the rowdiness and hand-clapping…………

The absentminded waiter lights his cigar,
The black girl falls asleep on the sofa.
Ay! this music has no logic,
but from over here it’s just fine.
Hey, hey, lovely sailor girl hey, hey, tonight
hey, hey I’m looking for company hey, hey, I want you!
Hey, hey, lovely sailor girl hey, hey, tonight
hey, hey I’m looking for company hey, hey, I want you!

Traffico e luci
che di sera esplodono
i condomini
grigi si allontanano
questo viaggio forse sarà
questo viaggio forse porterà

Piacere liquido
che mi dà i brividi
se sono se sono caldi
o freddi non lo so,
è un viaggio da solo con te,
è un viaggio di nuovo con te

Con te che sai
come si fa
a non restare
intrappolati qua
coi pensieri,
anche i più stupidi,
sguardi feroci,
come sempre inutili

Profumi rari
nella notte volano
prima dell’alba
fredda ci consolano
e questo brivido
che mi sfiora,
come un ricordo che

arriva insieme a te

E nel mercato
che mi affolla l’anima
sento una voce
sussurrare appena
voce di scarto
che si alza nitida
e mi trasporta
ancora più giù

nel gorgo mistico
di una stagione
mi riporta alla
mia gioventù
alle risate
venute per gioco
quando alla vita gli
davo del tu…

Ahi Maria, questo cielo,
ahi Maria, questo mare,
dove l’acqua è nera nera
quando il sole va a dormire,
quando il sole va a dormire,
quando il sole va a dormire,
Noi,
schiavi di t e l e v i s i o n e, non sappiamo più so-
gnare, c’è bisogno di un padrone che ci spieghi come fare..

Ahi Maria, questo cielo,
ahi Maria, questo mare,
che dobbiamo a t t r a v e r s a r e,
prima o poi dovrà finire,
prima o poi dovrà finire,
prima o poi dovrà finire,
Campesino che ara il cielo,
quanta sete di libertà,
campesino che vuota il mare,
dove sta la felicità,
dimmi dimmi le fermate che dobbiamo attraversare,
dimmi dimmi la stazione della vita dov’è!

E, mio caro presidente, no non ce ne frega proprio
niente delle tue t e l e v i s i o n i, che ci r o m p o n o i…

Ahi Maria, questo cielo,
ahi Maria, questo mare,
che dobbiamo a t t r a v e r s a r e,
prima o poi dovrà finire,
prima o poi dovrà finire,
prima o poi dovrà finire,
Campesino che ara il cielo,
quanta sete di libertà,
campesino che vuota il mare,
dove sta la felicità,

dimmi dimmi le fermate che dobbiamo attraversare,
dimmi dimmi la stazione della vita dov’è!

Campesino che ara il cielo, quanta sete di libertà,
campesino che vuota il mare, dove sta la felicità!

Quelle gambe che mi portano da te
quella pelle che più morbida non c’è
Lo sai come siamo fatti noi,
schiavi della notte e di quelle come voi.
E non cambieremo mai

Col tuo passo da serpente tu non sai che guasti fai
non ti accorgi mai di niente, ma per gli altri sono guai
Ogni volta che tu passi per la strada poi si
crea un incidente, ma tu non vedi niente per-
ché tu sei così candida e pura come non ce n’è

Candida c o m e una rosa in boccio tu sei
tu – u unica perché
una rosa splendida che non sai mai se un giorno annaffierai,
ma il profumo che ti dà è unico perchè
in questo mondo di donne come te
si è perduta la ricetta sai perchè
in fondo la televisione, tu lo sai,
mostra solo donne nude, donne vere non ne mostra mai
Quegli sguardi annoiati che tu fai
i tuoi occhi come fari nella notte che abbagliano
E se guardo nel tuo sguardo io mi sento un fores-
tiero che si perde a casa sua perché…
Tu magica visione tu sei per me
Tu – u magica visione tu
– u – u
A h a a h a

Siamo senza vento l’aria è un muro di cemento
non c’è movimento in mezzo a questo mare blu.
Signor capitano mi devi capire
ma non vedo l’ora che sia ora di partire.
Siamo qui già da due settimane
come un’isola in mezzo al mare che
va alla deriva per un vento che non c’è,
stanno dormendo tutti quanti tranne me.
Non c’è vento da ponente,
non c’è vento da levante.
Senza vento non c’è vita in questo mare,
senza vento il capitano è da buttare.
Le tue promesse da marinaio
ci hanno messo veramente in un bel guaio.
Devi capire anche questo equipaggio se ti ha
messo in un canotto e ti augura buon viaggio.
Tu sei partito e il vento è tornato,
insieme a te va la maledizione,
caro capitano stammi bene, ti saluto
ora ce ne andiamo con il vento nella mano.
Sento questo vento mentre canto e son contento
canto controvento le parole e perdo il tempo!
Sento questo vento mentre canto e son contento
canto controvento le parole e perdo il tempo!

Vai professore vai, tu che non conosci me,
come puoi permetterti di giudicare se
nessuno controlla te, nessuno da i voti a te,
nessuno può dirti che è tutto sbagliato quello che fai
Caro professore non me ne frega niente di
Tutte le menate che sbatti sulla gente
caro professore perchè non ti vergogni,
tu sei solo una nullità!
A te bastano due gambe, quando vedi un bel sorriso,
già ti senti in paradiso e un bel voto molli là!

Vai professore vai, tu che sei un fallito sai,
come puoi permetterti di giudicare quelli come me
e la giustizia no non c’è, questa scuola è uguale a te,
è una scuola fatta su misura di quelli che dicon sempre signorsì!
Tutto quel potere fatto solo di ricatti
è come una gabbia buona solo per i matti,
tanto lo sappiamo basta solo recitare,
dartela da bere che sei bravo ad insegnare
Con il tuo potere di potere giudicare tu ti senti un essere divino,
con il tuo potere di potere condannare credi di essere meglio di me

Vai professore vai, tu che sei un fallito sai,
come puoi permetterti di giudicare quelli come me !
Prova ad ascoltare quello che cerco di dire,
cerca di capire quello che cerco di fare,
quando parlo troppo, quando faccio scena muta,
no, risparmiami la battuta!
Sarà pure vero che noi siamo deficienti,
ma questa scuola, no non piace agli studenti,
sarà pure vero che sei quasi come un dio,
ma se non è vero sai cosa ti dico io
Vai professore vai, tu che sei un fallito sai,
come puoi permetterti di giudicare quelli come me !
Vai professore vai, tu che sei un fallito sai,
come puoi permetterti di giudicare quelli come me !

La signora bionda, vola sulla pista
lascia senza fiato il suo fidanzato
microchips esasperate dalle note sussurrate
a dieci-venti-trentamila megawatt per noi

Lampi di luce esplodono nel buio
peggio di un ariete questo basso, Stop!

Ciao bambina sono qua, son venuto giù in città
sono qui solo per te, dimmi dimmi come va!

Che bella festa, dolce bambolina
balleremo insieme fino a domattina
!

Quando arriva mezzanotte spengono le luci
un bacio a Capodanno vale per tutto l’anno!

Lasciati un po’ andare
non cercare di scappare

Ma dove sei finita, dove sei sparita?
C’è la tua sigaretta e una piccola scarpetta!

E le tue sorelle ridono a crepapelle
forse c’è qualcosa, qualcosa che non va!
Il figlio del Re, sguardo assassino,
raccoglie la scarpetta e se ne va in fretta!

Questa storia io non l’ho capita,
ma queste sorelle sono proprio belle!

Ciao bambine sono qua, son venuto giù in città
sono qui solo per voi, dimmi dimmi come va!

Ciao bambine sono qua, son venuto giù in città
sono qui solo per voi, dimmi dimmi come va!

Ehi generale sarà vero che non c’è sole in questo mare,
ehi generale sarà vero che non c’è vento in questo cielo,
cielo di tempesta ci accompagna, ci sorprende a colazione,
cielo di cartone, cielo da buttare, cielo come piace a te.
Cielo che rimanda le domande che si fanno le persone,
cielo che domande che si fanno quando passa il battaglione,
siamo militari, ma dietro la divisa c’è gente come me,
sparo sui nemici, ma è solo un lavoro, di rancore non ce n’è!

Cielo com’è dolce questa sera, com’è bianca questa luna,
cielo quando penso alle tue gambe sento un brivido alla schiena,
tu che mi saluti dal balcone, seminuda come piace a me,
tu che mi sorridi, tieni il letto caldo, che presto tornerò.

Ehi generale, portami in collina,
portami a ballare col nemico come piace a me,
colpi di mitraglia, colpi di bazooka,
spari nella notte proprio come piace a me,
ehi generale dimmi dove devo andare,
ehi generale dimmi dove sono quelli là.

Cielo com’è dolce questa sera, com’è bianca questa luna,
cielo quando penso alle tue gambe sento un brivido alla schiena,
sento tanto caldo che mi sale da laggiù,
forse son bagnato, forse è sangue questo qua.

Cielo da incartare, cielo da buttare, cielo che non muore mai,
cielo son ferito, vedo il mio nemico, è morto come me,
ehi generale, dimmi, quanto tempo ho,
ehi generale, dimmi, quanto camperò.

Cielo com’è dolce questa sera, com’è bianca questa luna,
cielo quando penso alle tue gambe sento un brivido alla schiena,
tu che mi saluti dal balcone, seminuda come piace a me,
tu che mi sorridi, tieni il letto caldo, che presto tornerò.

YO SOY CLANDESTINO, Y TENGO MI COLOR,
Y MI MANO OSCURA ESTA LLENA DE DOLOR,

YO SOY CLANDESTINO, Y TENGO MI COLOR,
Y MI MANO OSCURA ESTA LLENA DE DOLOR.

Ahi, la vita per noi, è solamente dolore,
quando si fa sera poi, non ci resta che soffrire,
da quelle altezze che voi usate per giudicare,
quanto siamo bassi noi, non ci resta che sparire,
ma per sparire bisogna partire,
e sai che partire è come morire!

YO SOY CLANDESTINO, Y TENGO MI COLOR,
Y MI MANO OSCURA ESTA LLENA DE DOLOR,

YO SOY CLANDESTINO, Y TENGO MI COLOR,
Y MI MANO OSCURA ESTA LLENA DE DOLOR.

Ma quando ti penso, taira-raira-rà,
ma quanto ti penso, taira-raira-rà.

Io son clandestino, fuorilegge
che combatte per mangiare (per mangiare, per mangiare),
questo è il mio destino,
di fatica disumana per campare (per campare, per campare),
non sono certo come quelli che
stanno tutto il giorno in piazza a giudicare,
non per fare del razzismo,
ma, in fondo, sono tutti di colore!

Ahi, la vita per noi, è solamente fatica,
quando si fa sera poi, non ci resta che dormire,
quanti problemi per voi, che dovete sempre comandare,
e fare attenzione che noi non riusciamo neanche a ubbidire,
ma questa gente, che ama giudicare,
si è dimenticata di un particolare:

TU ERI CLANDESTINO E AVEVI IL TUO COLOR,
E LA TUA MANO SCURA ERA PIENA DI DOLOR,

TU ERI CLANDESTINO E AVEVI IL TUO COLOR,
E LA TUA MANO SCURA ERA PIENA DI DOLOR,

Ma quando ti penso, taira-raira-rà,
ma quanto ti penso, taira-raira-rà.

YO SOY CLANDESTINO, Y TENGO MI COLOR, Y MI MANO OSCURA ESTA LLENA DE DOLOR,

YO SOY CLANDESTINO, Y TENGO MI COLOR, Y MI MANO OSCURA ESTA LLENA DE DOLOR.

YO SOY CLANDESTINO, Y TENGO MI COLOR,
Y MI MANO OSCURA ESTA LLENA DE DOLOR.

YO SOY CLANDESTINO, Y TENGO MI COLOR,
Y MI MANO OSCURA ESTA LLENA DE DOLOR,

Alas, for us life is only pain,
when evening comes, there’s nothing but sufferance.
You place yourselves on high to judge how small we are,
leaving us no choice but to disappear.
But disappearing means leaving and you know that
to leave is to die!

YO SOY CLANDESTINO, Y TENGO MI COLOR,
Y MI MANO OSCURA ESTA LLENA DE DOLOR.

YO SOY CLANDESTINO, Y TENGO MI COLOR,
Y MI MANO OSCURA ESTA LLENA DE DOLOR.

But when I think of you, taira-raira-rà,
but when I think of you, taira-raira-rà.

I’m a clandestine, an outlaw fighting for something to eat,
it’s my destiny, an inhumane fatigue in order to survive,
I am not like those who hang around all day judging others,
I don’t want to be a racist but, after all, everyone’s coloured!

Alas, life for us is only weariness,
when night falls we can do nothing but sleep.
How difficult for you who must only give orders
making sure that we won’t be able to obey them.
But all those who love to judge
are forgetting a point.

YOU WERE A CLANDESTINE WITH COLOURED SKIN
AND YOUR DARK HAND WAS FULL OF PAIN.

YOU WERE A CLANDESTINE WITH COLOURED SKIN
AND YOUR DARK HAND WAS FULL OF PAIN.

But when I think of you, taira-raira-rà,
but when I think of you, taira-raira-rà.

YO SOY CLANDESTINO, Y TENGO MI COLOR,
Y MI MANO OSCURA ESTA LLENA DE DOLOR.

YO SOY CLANDESTINO, Y TENGO MI COLOR,
Y MI MANO OSCURA ESTA LLENA DE DOLOR.

Piove, sta piovendo
No non ci salviamo da questi temporali che
fanno diluviare sopra tutta la città,

Freddo, molto freddo
Grandine e tempesta, diluvio ed acquazzoni, sembra
quasi che il pianeta sia impazzito come me

Acqua sopra noi, acqua intorno a noi,
fiumi che dilagano, inondano e muoiono

Caldo, molto caldo
Ci stiamo bruciando, si consumano i polmoni, vedo
solo dei vecchietti boccheggiare qua e là,

Caldo, sto bruciando
In questo deserto che circonda la città, crepe,
foglie secche, polvere e una grande aridità

Sole sopra noi, sole intorno a noi,
fiumi che inaridiscono, si seccano e muoiono

E il clima va cambiando, va mutando,
si trasforma, ci frastorna con i suoi rivolgimenti
E siamo qui tutti contenti
col costume, con l’ombrello in mano che non si sa mai

Clima che, clima che, clima che muore intorno a noi
Clima che, clima che, clima che muore dentro di noi

Cielo, quanto cielo
Guardo nelle case vedo le televisioni che ci
stanno raccontando come soffre la città

Sole, troppo sole
Apro la finestra tanto il condizionatore non fun-
ziona che è finita tutta l’elettricità

Sole sopra noi, sole intorno a noi,
mari che inaridiscono, si alzano e muoiono

Clima che, clima che, clima che muore intorno a noi
Clima che, clima che, clima che muore dentro di noi!

Il vento, un’aria leggera, veniva dal
bosco portando profumi e sapori di
muschio, radici e foglie, che
cantavano come le onde del mare,

come le onde del mare con canti
di sirene lontane e il
torrente con voce argentina inondava
di suoni il fresco mattino.

Il vento del mare con grandi nuvole
scure e minacciose,
bagliori improvvisi e un odore acre
che dilatava i polmoni.

La sabbia si alzava veloce in un
turbinio accecante che sibilava,
tra le ispide dune selvagge,
gabbiani dalla voce roca.

Il vento che ti stordisce
e confonde la tua mente
e scardina le tue idee
con rombo di motori e catene,

è una forza antica,
nata prima dei tuoi ricordi,
che sopravviverà anche
quando i ricordi saranno finiti.

Il vento che esiste solo nella mia fantasia
è dolce e accarezza le cose con
garbo, ma è solo un’immagine,
una speranza, un desiderio.

Il vento è una furia selvaggia, che tutto
devasta e percuote ogni cosa,
grandi rocce e fili d’erba, alberi
immensi e distese di sabbia

L’aria che respiri accarezza il tuo
viso e vola al di là del mare
passa tra le mie mani, e io non so
neanche chi sei, neanche chi sei,

un pescatore o un cieco,
un vecchio o una ragazza,
un uomo felice o un disperato,
un bimbo o un assassino.

Tutte le piccole storie infinite
sono narrate e perdute nel vento
voglio fermarne qualcuna, ma
volano via lontano,
solo ricordi e profumi,
che passano veloci,
come il vento tra le mani, come il vento tra le mani,
come il vento tra le mani, come il vento tra le mani.

Il vento è una canzone che viene dal fondo del cuore
il vento è una sensazione, una promessa, una speranza
Tra le tue mani e le mie mani, il vento porta una canzone
ieri e domani, oggi e sempre lui canterà.

The wind came from the woods,
a gentle breeze that
brought perfumes and the taste of
moss, roots and leaves
that sang like the waves on the sea.
Like waves on the sea
with the far-off songs of the mermaids
and the silver voice of the torrent,
flooding the new morning with sound.

The sea wind with huge
dark and threatening clouds,
sudden flashes of light and a pungent fragrance
which distended the lungs.

The sand swiftly rose in
a blinding whirlwind, that hissed
in the midst of the shrill wild cry of the
raucous voiced gulls.
The wind that stuns you
and confuses your mind
and uproots your ideas
with the roar of engines and chains.

It’s an ancient power
born long before your memories,
that will survive even when
all memories come to an end.
The wind that exists only in my fantasy,
is sweet and gently caresses everything,
but it is only an image, a desire, a longing.

The wind is a savage fury, destroying all
and shaking everything,
huge rocks and blades of grass, mighty trees
and stretches of sand.

The air that you breathe caresses your face
and flies over the sea,
passing through my hands, and I don’t even know
who you are, who you are.

A fisherman or a blind man,
an old man or a girl,
a happy or a wretched man,
a child or a murderer.

All the never-ending little stories
are told and lost in the wind,
I’d like to catch some of them, but
they fly far away, just memories and perfumes
that swiftly pass by.
Like wind through your hands
like wind through your hands
like wind through your hands
like wind through your hands

The wind is a song which comes
from deep down in your heart.
The wind is a sensation, a promise, a desire.

The wind carries a song
through your hand and my hands,
yesterday and tomorrow, today and forever
the wind will sing.

Come siamo bravi noi, come siamo bravi a nascondere la verità,
come siamo bravi noi, come siamo bravi a far finta che tutto va

e Cernobyl, le centrali nucleari e tutti quelli che non ci sono più
e gli ammalati e i deformati noi li curiamo con tanta pietà

e le scorie nucleari da mettere sotto il tappeto perché,
perché il tappeto è importante lo sai, quel che c’è sotto non si vede mai

Come siamo bravi noi, come siamo bravi a nascondere la verità,
come siamo bravi noi, come siamo bravi a far finta che tutto va

E Tatiana cerca i suoi figli, dove sono non si sa,
sono morti come conigli, sono morti senza pietà,

ma può essere orgogliosa di questi figli suoi, che sono
morti per il progresso, per il bene dell’umanità!

Come siamo bravi noi, come siamo bravi a nascondere la verità,
come siamo bravi noi, come siamo bravi a far finta che tutto va

Quanti problemi abbiamo noi, quanta gente che muore di fame,
ma il progresso deve andare avanti anche a dispetto dei suoi santi

e gli ogiemme ci possono salvare tutto il pianeta possono sfamare
e l’energia nucleare alla fine ci salverà

Come siamo bravi noi, come siamo bravi a nascondere la verità,
come siamo bravi noi, come siamo bravi a far finta che tutto va

e le scorie nucleari da mettere sotto il tappeto perché,
perché il tappeto è importante lo sai, quel che c’è sotto non si vede mai

Come siamo bravi noi, come siamo bravi a nascondere la verità,
come siamo bravi noi, come siamo bravi a far finta che tutto va

Come vorrei averti
qui amico mio
per stringerti le mani
come dico io
troppo breve, come un
fulmine l’addio,
un amaro calice da
bere tutto solo

Non sentirò mai più
la tua chitarra suonare,
non correremo più
on the road again
non fumeremo più
quelle paglie micidiali,
col fumo che ti spacca la gola e la
voce che non riesce più a cantare!

Dimmi cosa resta, il ricordo non mi basta,
immagini confuse da troppi desideri

E le tue canzoni, sono vive come allora,
ma a cantarle non sei più tu

Quelle strade che di notte o col sole
come il vento divoravi,
le ragazze dai mille colori
sorridendo innamoravi

Cosa resta dimmi cosa resta, il ricordo no non basta,
poche foto sbiadite che il tempo cancellerà

E le tue canzoni, sono vive come allora,
ma a cantarle non sei più tu
.

Se cercavi uno che dice sempre signorsì,
non dovevi fermarti a questo indirizzo qui
Vai pure se ti pare vai non sarò io a fermarti sai,
puoi andare dove vuoi puoi lasciarmi da solo qui
Per una volta che mi sono scoperto un po’
sei andata subito a un finale che non era il mio no
Tu non fai che fare delle accuse e pretendi pure delle scuse
ma non senti questo mio dolore che mi sta schiantando a mezzo il cuore,
guardi solo quelle cose che vuoi vedere fuori e dentro me,
apri solo quegli armadi che ti interessano di più di me

Cosa posso fare cosa posso dire
Cosa posso fare cosa posso fare
cosa poso dire cosa posso dire
Se non vuoi sentire se non vuoi capire
Se non vuoi sentire se non vuoi sentire
se non vuoi capire se non vuoi capire
Come posso fare come posso dire
Come posso fare come posso fare
come posso dire come posso dire
Tu non vuoi sentire tu non vuoi capire
Tu non vuoi sentire tu non vuoi sentire
tu non vuoi capire tu non vuoi capire

Ogni attimo per me era come stare con te,
io dovevo pensarti non facevo che amare te
Sia pure quello che tu vuoi non faremo più la pace ormai,
è finita tra di noi non conta ciò che sento no
Ti amo ancora come quando amavi me,
ma non c’è modo di parlare tu non vuoi sentirmi no
Io non faccio che pensare a te ma, non mi ascolti non mi vuoi sentire
non t’importa come va a finire, non t’importa questo mio dolore
E a parole non mi basta sai devo dirtelo coi fatti che
nel mio cuore non c’è posto che per amare proprio solo te

Cosa posso fare cosa posso dire
Cosa posso fare cosa posso fare
cosa poso dire cosa posso dire
Se non vuoi sentire se non vuoi capire
Se non vuoi sentire se non vuoi sentire
se non vuoi capire se non vuoi capire
Come posso fare come posso dire
Come posso fare come posso fare
come posso dire come posso dire
Tu non vuoi sentire tu non vuoi capire
Tu non vuoi sentire tu non vuoi sentire
tu non vuoi capire tu non vuoi capire

E’ tutta la sera che ti sto guardando
mi piace come ti muovi
I tuoi fianchi sono un manifesto
una terra per andare alla conquista
I tuoi capelli rosso fuoco acceso
sono come un faro nella pista
Il tuo sorriso è una bandiera
che splende nella sera

Voglio ballare insieme a te
voglio muovermi come fai tu
voglio respirare insieme a te
voglio sciogliermi dentro te, allora
tieni il ritmo, non ti fermare,
cuore selvaggio, continua a ballare,
senti che ritmo, muovi i tuoi fianchi,
muoviti, muoviti, sempre così…

Tanto domani non dobbiamo mica
andare a lavorare
Poi c’è tutta la settimana per riposare
E non c’è bisogno di francobolli
per continuare a ballare
Guarda che slargo abbiamo fatto
tutti ti vogliono guardare

E’ un pericolo muoversi così,
ma non si può fermare una come te,
voglio respirare questo ritmo insieme a te
voglio ballare solo insieme a te…

Sento la musica nelle vene
e non capisco da dove viene
con due occhi belli come i tuoi
è pericoloso fermarsi a guardare, e allora
Tieni il ritmo, non ti fermare,
cuore selvaggio, continua a ballare,
senti che ritmo, muovi i tuoi fianchi,
muoviti, muoviti, sempre così…

Senti questo vento
che ci parla del mare,
è uno spiraglio,
o è soltanto un abbaglio
Come sono chiare
queste notti che
volano
via

Luci che si accendono,
luci che risplendono,
luci che ci scrutano,
fino nel fondo dell’ anima

Senza buio,
come polli di allevamento
in fondo
siamo noi

Inquietudine,
una vertigine
passa fra noi,
come pietre che trasudano attimi,
sogni perduti e scarnificati,
volti indecisi e sguardi umiliati
che passano di qua

e le catene che ci impongono,
inquietano, umiliano,
infangano, stringono,
uccidono,

e la coscienza di un uomo
che non sa
più cosa sarà

Guardo le tue mani,
come un sudario
invocano pace e
dignità,
e intanto noi siamo qua

Quanti uomini sono caduti per
farci dire di no,
quante donne, bambini indifesi
dovranno pagare il petrolio
con lacrime
amare
che non si potranno scordare

né ora né mai più
m m m h h h h,
m m m h h h h

Abu Ghraib, Guantanamo
e Madrid, Afghanistan
le Twin Towers, Sarajevo,
il Kossovo, il Vietnam,
e Mathausen, foibe, gulag,
todo el mundo és pais
m m m h h h h

Desaparecido un hombre, un hombre,
desaparecida la muher,
desaparecido el nino, el nino,
desaparecida la Libertad

Hombre, hombre,
hombre, nino, hombre,
hombre, hombre, nino, la muher,

hombre, hombre,
hombre, nino, hombre,
hombre, hombre, nino, la muher…

Abu Ghraib, Guantanamo
e Madrid, Afghanistan
le Twin Towers, Sarajevo,
il Kossovo, il Vietnam,
e Mathausen, foibe, gulag,
todo el mundo és pais
m m m h h h h

E me ne vado,
sì vado via,
sono stanco di stare qui,
non ne posso davvero più

Paranoie,
quelle che
ti stai costruendo tu
e mi lasciano così,
senza fiato da solo qua,
le tue parole,
come sale sulle piaghe

Sì, sono disperato
e non mi basti tu,
no non mi basti tu,

sì sono disperato
e non mi basti tu,
no non mi basti tu, no

Sì sono solo
e come te
voglio andarmene via,
via di qua.

Solitudine,
quella che
ora stai cercando tu,
la conosco bene,
proprio così,
è una vita che son solo qua (solo qua)
come vedi,
non c’è niente di nuovo,

Sì, sono disperato
e non mi basti tu,
no non mi basti tu,

sì sono disperato
e non mi basti tu,
no non mi basti più,

sì, sono disperato
e non mi basti tu,
no non mi basti tu,

sì sono disperato
e non mi basti tu,
no non mi basti più,
no…

Anche oggi sono qua,
che mi giro tutta quanta la città,
camminare per ricordare lei,
una giostra che mi porta qui da te.

E tu, e tu, con quella sottoveste
blu, mi guardi già, una
bambina non sei più, una ragione che ti
fa sentire già una donna.

Donna, donna, donna, donna, due sillabe, una parola,
donna, donna, donna, donna, tre consonanti, una cosa sola,

donna, donna, donna, donna, due sillabe, una parola,
donna, donna, donna, donna, tre consonanti, una cosa sola.

Ma che cos’è una donna,
questo non lo so, e mi chiedo
se fosse vino, sai che bevute che
fare insieme a te, piccolo fiore.

E invece sono qui, davanti a te,
che fingo di guardare un po’ più in là,
dove non c’è quella trasparenza che
tu usi per abbagliare me,

Donna, donna, donna, donna, due sillabe, una parola,
donna, donna, donna, donna, tre consonanti, una cosa sola,

donna, donna, donna, donna, due sillabe, una parola,
donna, donna, donna, donna, tre consonanti, una cosa sola.

E l’estate è già qui,
e la chiamano ancora così,
un sapore che mi fa
pensare solo a te.

E intanto arriva l’estate,
coi suoi giorni che non passano più,
e intanto che passano i giorni,
io mi illudo che torni da me.

Ogni stagione ha i suoi sapori,
ogni giornata ha i suoi colori,
ma questo giorno, carico di sole,
mi ha rubato anche le parole.

Ci son stagioni senza ricordi,
ci son momenti senza confini,
ci sono amori che sono finiti,
ancora prima di essere nati.

Ci sono donne che non sanno ancora
che si può amare anche senza subire,
ci son bambini che non sanno dire
cosa gli manca per poter cantare…

Guardo fuori e sento volare nel
vento pensieri bagnati che viaggiano su delle
auto sudate che tornano al mare e la
sera passano di qua.

E intanto arriva l’estate,
coi suoi giorni che non passano più,
e intanto che passano i giorni,
io mi illudo che torni da me.

E solo tu
puoi sapere come sto
e solo tu
puoi capire come va
amica mia, amica malinconia
prendimi la mano,
portami lontano, via di qua,
dove sono lucciole e farfalle intorno a noi,
dove corrono cavalli al canto della libertà.

Ancora un po’, per parlar di lei,
ancora un po’ per sapere come sta
dimmi pure quel che vuoi,
dimmi qualcosa su di lei,
dimmi se ha trovato la felicità,
perché anch’io come lei
sono perso in questa realtà,
perché anch’io come lei
voglio andare via di qua.

E le nostre mani insieme
sanno bene che cos’è
quella luce e quel calore
che sorprende quelli come me
attimi di sole che dicono già
giochi di parole che raccontano di lei

Luce, luce che risplendi,
luce rimani qua
portami a guardare
dentro il buio che c’è in me
te ne prego fammi entrare
per favore dimmi che
è rimasta un poco di speranza anche per me

E le mostre mani insieme
sanno bene che cos’è
quella luce e quel colore
che sorprende quelli come me

Amica mia, amica malinconia,
prendimi la mano,
portami lontano,
via di qua.

Dimmi dimmi come mai tu, dici di non essere gelosa mai,
ma ogni volta che io guardo lei, ti vedessi la faccia che fai

e mi fai sentire come uno che deve nascondere chissà che!

Sì, d’accordo è una donna che è alta almeno il doppio di te
e quando passa tutti restano a guardare, come fosse una Venere uscita dal mare,

ma in fondo mi ha solo domandato se l’aiutavo a finire il suo gelato…

E’ vero che il gelato, questo sciagurato, le era scivolato sul petto immacolato,
ma se l’ho aiutata è solo per salvare la camicia fresca di bucato,

dai Dolores, non fare la scontrosa, no, non devi essere gelosa,
solo tu sei davvero la mia spesa, anzi scusa, volevo dire la mia sposa…

E’ solo un gelato che era scivolato sulla camicia fresca di bucato,
è solo un gelato che era scivolato sulla camicia fresca di bucato!

Sì, d’accordo, dopo noi ne abbiamo presi altri sei
e poi mi ha aiutato lei, il gelato macchia sempre sai…

poi siamo andati a fare il bagno in riva al mare,
tanto di notte anche nudi si può fare…

E in fondo se stavamo abbracciati è solo per non finire congelati,
un bacio forse gliel’ho anche dato, ma per ringraziarla di quel gelato,

dai Dolores, non fare la scontrosa, no, non devi essere gelosa,
solo tu sei davvero la mia spesa, anzi scusa, volevo dire la mia sposa…

E’ solo un gelato che era scivolato sulla camicia fresca di bucato,
è solo un gelato che era scivolato sulla camicia fresca di bucato!

Dai Dolores, non fare così, domani ne comprerò uno anche per te,
ma adesso lasciami dormire, ho tanto sonno, sonno da morire
shhh, shhh,

è solo un gelato che era scivolato sulla camicia fresca di bucato,
è solo un gelato che era scivolato sulla camicia fresca di bucato…

Dai Dolores, non fare la scontrosa, no, non devi essere gelosa,
solo tu sei davvero la mia spesa, anzi scusa, volevo dire la mia sposa…

E’ solo un gelato che era scivolato sulla camicia fresca di bucato,
è solo un gelato che era scivolato sulla camicia fresca di bucato!

Mondo. Solo una sfera che rotola
veloce in uno spazio che non ha
confini. E’ solo un luogo fatto di
distanze che un grande muratore potrebbe misurare.
Tempo. Ecco la chiave per capire ogni
mistero che governa l’ universo e le sue
funzioni, la matematica, che non ha
opinioni, mi consentirà di scoprirne le equazioni.

Tempo. E’ quella donna che tu incroci per la
strada, poi quando ripassi non la rivedi
più, è una sostanza unta e
appiccicosa come miele nelle mani che si tingono di blu.
Tempo. Sono occasioni, vertigini e
impressioni che se chiudi gli occhi rimangono con
te. Sono vocali, milioni di
parole che si fondono nel magma di ricordi e souvenir

Tempo, è una misura che ti serve a
calcolare anche i battiti del tuo cuore,
tempo, sono i numeri che servono a
contare la lunghezza di un amore,

tempo, tempo, dammi un altro po’ di tempo,
tempo, tempo, dammi un altro po’ di tempo,
tempo di ricordi come quando ero bambino, di
giornate che passavano senza finire mai,
tempo è quella cosa che decide lui per te e se
calcoli i secondi non ti passeranno più!

Tempo. Sono memorie di silicio
trasformate come dei contenitori di emozioni che si
spengono così. Sono i tasti bianconeri di un
pianoforte muto che non sfiori per paura della nuda verità.
Tempo. Sono troppi i conti delle
possibilità, i calcoli infiniti delle
probabilità, io mi sto allenando con
milioni di equazioni, ma il tempo che mi resta forse
non mi basterà

Tempo, tempo, dammi un altro po’ di tempo,
tempo, tempo, dammi un altro po’ di tempo…

A new song is coming now,
just like a bird, is flying in the sky
a – all around is the snow, so you know, I am
f e – e – eling
I am feeling like a bird in the sky
I am feeling like a rainbow through the rain,

I am walking through the town on my feet,
I am looking now the light of your eyes, I am
f e – e – eling, I am
f e – e – eling
like a sorrow in the night,
like a mother with a child

In this night of the peace, I am
f e – e – eling,
like a woman walking on the road,
like a mother praying in the night,

Oh Jesus, merry christmas to you,
oh mother, o h mother, I am
f e – e – eling, I am
f e – e – eling.

Certe volte i giorni passano davvero in fretta, ma,
certe volte i giorni sembrano interminabili,
quando non ci sei io sono solo più che mai
e non riesco a dire, sai,
quello che mi manca è che non ho un conto in banca
per comprar la felicità, felicità, felicità.

Me ne trono a casa guardo la televisione
ma non parlano di noi
c’è soltanto un Cavaliere
con i fidi suoi scudieri e ridono perché
sono dei padroni in questo mondo di minchioni
e sanno la verità,
quello che mi manca è che non ho un conto in banca
per comprar la felicità, felicità, felicità.

In questo mondo quelli come me
non saranno felici mai perché
sanno bene che gli manca
di avere un conto in banca
per comprar la felicità.

Mangio il mio panino
sento il cane del vicino che abbaia già
no non c’è la luna non si vedono le stelle
ma lui non lo sa.
Quando per fortuna trovo l’ultima lattina
il vicino chiama Block, ma che nome per un acne,
ma che nome per un cane forse è meglio Bush.
Bu-Bu-Bush, Bu-Bu-Bush.

Nebbia che si taglia col coltello
e intanto vanno i pensieri miei-ei,
fumo un’altra paglia
mi si bagnano le ciglia mentre aspetto te.
Guardo quel portone mi si alza la pressione
quando vedo una valigia che è come la mia,
però è piena di monete e aspetta solo me.
Solo me, solo me.
Quello che mi manca è che non ho un conto in banca
per comprar la felicità, felicità, felicità.

Questo silenzio,
che mi fa sentire
il rumore dei battiti
del tuo cuore…

E ti vedo dormire nel letto, accanto a me
e ti sento sognare sul cuscino, accanto a me…

Dove sono andate le paure sconfinate,
dove sono finite le domande infinite,

in questa notte piena di
stelle, io non ho
domande, mentre ascolto il tuo
respiro,

tu non mi vedi, ma
sono qui accanto a te,
tu non mi senti, ma
sono qui accanto a te…

E siamo qui,
abbracciati così
e siamo qui,
fra la terra e il cielo.

Questo silenzio,
che mi fa sentire
il rumore dei battiti
del tuo cuore,

forse non è vero,
no, non è rumore,
è solo il respiro
dell’amore.

Alberi nel bosco si alzano verso il cielo,
questa notte limpida ci copre col suo velo,

E siamo qui,
abbracciati così
e siamo qui,
fra la terra e il cielo.

Guarda questi cieli come sono stanchi,
guarda sotto i banchi, ma,
non ci sono più i cavalli bianchi
che sognavi insieme a lei

Quei sorrisi con i denti bianchi che ti
guardano smaglianti se
c’è una televisione che riprende in
primo piano proprio te,

so – ono abitudini,
so – ono consuetudini,

Funky, funky,
funky, fa!
Funky, funky,
funky, fa!

E noi che siamo qui, mentre voi restate
lì a menarvela così…

Il sudore che cola per la schiena,
sei senza respiro, ma,
continuiamo anche se siamo stanchi,
muovi, muovi i fianchi, seh!

Musica che deve andare avanti,
muovi, muovi i fianchi, seh!
Musica che deve andare avanti,
muovi, muovi i fianchi, seh!

Queste casse che fanno un gran casino,
non riesco a parlare col DJ,
queste luci che fanno solo pena,
prova a fare buio se hai coraggio, dai!
Buio, buio,
funky, fa!
Buio, buio,
funky, fa!

Ma ci sono solo percussioni
e la voce cosa fa?
Sento solo un basso che risponde,
la chitarra dove sta?

Continuiamo anche se siamo stanchi,
muovi, muovi i fianchi, seh!
Spero che il respiro non ti manchi,
muovi, muovi i fianchi, seh!

Musica che deve andare avanti,
muovi, muovi i fianchi, seh!
Musica che deve andare avanti,
muovi, muovi i fianchi, seh!

Carlo ha un amico che si veste da marziano,
vanno insieme a conquistare dei pianeti,

nelle galassie dove vivono i nemici,
combattono gli alieni e si sentono felici.

Enrico invece è nato in un’altra terra,
dove non si trova neanche il pane da mangiare,
gioca solamente a far la guerra.

E quando passano gli anni
e non sono più bambini,
come da copione, uno indossa la divisa,
l’altro difende il pianeta dagli alieni.

Questa storia la sapete già,
sapete anche voi come va a finire,
un sapore amaro che non ci lascerà.

No non serve la violenza,
porta solo distruzione.

Quello che ci serve ora è un’altra cosa,
dobbiamo ritrovare la ragione.

Contro la forza dei potenti,
la forza dei non violenti,

contro la forza dei potenti,
la forza dei non violenti.

Carlo has a friend who dresses up
like a Martian,
together they conquer the planets
in the galaxies where their enemies live.
They fight the aliens and they feed happy.

Enrico, thought, was born in another world,
where you can’t find a piece of bread to eat.
He only plays war games.

As the years go by
and they are no longer children,
as in some film script, one wears a uniform and the other
defends the planet from aliens.

But you already know this story,
you also know how it ends,
with a bitter taste that won’t go away.

No, there’s nothing to be gained by violence,
it only leads to destruction.

What we need now is something else,
the need to recover our sanity.

The strength of the non-violent
against the force of those in power,

the strength of the non-violent
against the force of those in power.

Guardami negli occhi, questo giorno qua,
è solo un’idea,

questa luce limpida sulla città,
che sembra primavera,

gioca tra le case e le facciate delle chiese,
si nasconde nei cortili, poi riaffiora qua e là,

spunta all’improvviso dai balconi illuminati,
che si affacciano a guardare il cielo blu.

In mezzo a questa piazza che si illumina di sole,
io mi sto chiedendo come mai

le nostre parole così grigie e ripetute
ora sono piene di colori, sai

e come l’aria leggera questa luce che
è come un brivido negli occhi tuoi.

Sole che si perde, sole che si dà,
sono belle le tue mani,

quello sguardo complice che sento in te,
andrà oltre il domani,

e quando le ombre della sera scenderanno
fra i silenzi delle case mute come noi,

guardandoti nel viso io vedrò quelle parole che
non mi avevi detto mai,

tra luce e ombra un confine che si perde
e ci porta via,
in questo giorno di primavera.

Come sono tristi questi giorni che
mi separano da te,
sono grigi solo nella mia memoria o
sono grigi anche per te?

E maliziosamente io mi
fermo qui a pensare
che se fosse un grande amore forse
ce ne andremmo al mare…

Giorni fortunati in questa primavera
io non ne ho visti perché,
come accade sempre quando si fa sera,
quando il sole se ne va

io accendo una luce nel
giardino a casa mia,
ma non riesco più a vedere dove
va la poesia …

Poesia smarrita su un
treno che ti porta via da me!

E – e questi treni che partono a
tutte le ore, in fondo non sanno
neanche dov’è quest’amore, in
fondo non sanno neanche cos’è,

m a – a questa poesia forse è un
treno che fischia, che corre su e giù, son le
ruote che urlano sulle rotaie, i tuoi
occhi che guardano un cielo lontano,

fra – a quelle stelle che accendono
buchi nel cielo sereno che noi,
come tanti bambini vogliamo
riempire di inutili sogni così …

Guardo questi sogni che mi porto dietro
e non so neanche perché,
forse la speranza di trovare ancora
un’altra donna come te

E acidosamente io mi
fermo a osservare
tutti i grandi amori che
ritornano dal mare…

E – e la poesia dov’è
e – e il grande amore cos’è
io mi domando, io mi nascondo,
io mi tormento, io mi confondo,

E – e la poesia dov’è
e – e il grande amore cos’è
io mi domando, io mi nascondo,
io mi tormento, io mi confondo…

You say that I am
only a man for you,

now it’s night for me,
no more light in my life.

All this time, that I was
only a man for your dreams

Who knows where I have been,
only you have the key of my heart.

So long I have been
in your hands, in your mind.

I don’t know who
l am,

just a man with no love,
only a name with no life

So this night I have a dream of you,
honey, honey, you was on the beach,

I was , I was the sea,
you was, you was the sky,

so long I have been
in your hands, in your dreams…

Where are you,
what do you do,
when you’re alone
in the night

Are you awake, or
are you sleeping now?
What are you dreamin’
of this night?

It rains all over our country now
and the failed chances are lost in the dark.

But the river goes
under the dirty rain
and the fish are gaspin’
in the dying water

You may be more than a cloud in the sky,
you may be more than the rain on the ground.

But in yours dreams take a moment just for me,
‘cause yours hopes are just like the ones I have.

Waitin’ for love,
look inside yourself,
tryin’ to forget
disappointing memories.

And you now are
prayin’ in the night,
I can see a light
in the stormy weather.

The rain has gone, and the stars
all over the sky are shining for you,

you’re the evening, you’re the night,
you’re the day to me, you’re the sun,

and all the sky to me is a diamond like you,
‘cause my hopes are just like the ones you have,

and all the sky for me is a diamond like you,
‘cause yours hopes are just like the ones I have.

Io sento un vento caldo che
mi porta sulle nuvole
su questo mare
dove volano gli angeli

Io sono prigioniero qua
di un re che no non ha pietà
nel labirinto che
mio padre ha costruito per lui

Ma – a io come vorrei
a – andarmene di qua
su nel cielo più in alto del sole per
guardare il mare che brilla laggiù

Tu sai come costruire per me
delle ali con la cera e con le piume che
mi portino lassù
dove volano gli angeli
E – e adesso sono qua
un gabbiano che vive in libertà
e – e adesso sono qua
come gli angeli rincorro il vento che
mi sta portando ancor più su
dove l’uomo non è arrivato mai
dove il sole si ferma sai perché
qui ci vivono solo gli angeli come me

Io conto le tue piume che
stanno cadendo intorno a me
come la neve a Natale
sono bianche e non fanno male

Io sento un vento caldo che
ti porta sulle nuvole
su questo mare
dove volano gli angeli

su questo mare
dove muoiono gli angeli

Testo dalla Bibbia
Traduzione di Padre Agostino Venanzio Reali
Musica di Daniele Albatici

LEI: Mi baci la tua bocca amore
più del vino inebriante
Gradevole al respiro è l ’ aroma del tuo nome
ti sospirano perciò le adolescenti
LUI: Ti sogno amica quale una puledra
le guance un i n c a n t o gli orecchini
Sei bella amica mia iridescente
con le colombe degli occhi

LEI: Sei bello amore mio dolce ridente
narciso di brughiera sono io
LUI: Un giglio fra le ortiche la mia Bella fra le amiche
LEI: Narciso di brughiera sono io anemone di valle

LUI: Colma è la tua bellezza amica mia,
dal Libano verrei fedele mia. Una
folgore scoscesa dai tuoi occhi,
un riso di perle m’ha ferito.
M’inebria la tua carezza più del vino, per
me più d’ogni aroma il tuo respiro,
la tua bocca colma di latte e miele
sempre mia.

LEI: La vena del mio giardino pullula d’acque vive,
dentro il mio orto scenda l’amor mio
dentro il mio orto scenda l’amor mio
LUI: Nel giardino discendo amica mia, colgo
balsamo e mirra, miele, latte e vino
balsamo e mirra, miele, latte e vino

LEI: Discese il mio diletto al suo giardino
tutta per lui son io ed egli è tutto mio

LUI: Sei bella amica mia iridescente
con le c o l o m b e degli occhi

LEI: Sei bello amore mio dolce ridente
Narciso di brughiera sono io

LUI: Un giglio fra le ortiche la mia
Bella fra le amiche

LEI: Narciso di brughiera sono io
anemone di valle

LUI: Un giglio fra le ortiche la mia
Bella fra le amiche
LEI: Narciso di brughiera sono io
anemone di valle.

Non credo a questo chiaro sole d’inverno che
abbaglia senza riscaldare

Non ci sono spazi per rimediare
a tutto quello che è stato

Il gioco è bello quando dura poco, e
questo è durato abbastanza. È

inutile cercare delle scuse, è
inutile cercare un perchè

A questo punto non si può fare niente
forse è meglio fermarsi qui

e non illuderti che questa volta
io possa ritornare da te

Ascoltami bambina non giocare
con le cose più grandi di te

è pericoloso giocare con il fuoco e
lascia stare il mio gilet

L’amore sai che è come le viole
nascono in fretta col primo sole

per poi bruciarsi al caldo d’estate
quando la sete diventa più vera

Il gioco è bello quando dura poco, e
questo è durato abbastanza. È

inutile cercare delle scuse, è
inutile cercare un perchè!

Madove la tenevi questa voce sussurrata che
fa arrossire anche l’insalata, io

non sapevo che volevi il mio gilet
per girare nuda con le mani in tasca

Il gioco è bello quando dura un po’ di più e
questo deve durare ancora. È

inutile cercare delle scuse, è
inutile cercare un perchè,

abbracciami tesoro questa notte voglio stare
tutto il tempo insieme a te! Dai non

fare la smorfiosa, ti ho già chiesto scusa e non
piangere che sciupi il mio gilet!

Io non so perché devi correre sempre verso di me.
Io non credo che si possa vivere così.

Tutta una vita continuando ad ascoltare,
in ogni momento, ogni alito di vento.

Ogni rumore, ogni sospiro con il terrore
Che giunga d’improvviso una furia che tutto distrugge.

Gambe agili e veloci portatemi lontano,
dove posso fermarmi a prendere il respiro.

Ogni tanto guardo il sole come a un Essere divino,
e a Lui chiedo di portarmi a nuove fonti d’acqua chiara,

lo ringrazio della luce e del suo calore,
che mantiene l’erba in vita, e addormenta i miei nemici.

E nella pianura vedo un filo di fumo,
un odore intenso che si mescola al calore,

è la prateria che comincia a bruciare,
tutti gli animali che iniziano a scappare.

Anche il mio nemico corre e fugge all’impazzata,
lo sento ansimare, nei suoi occhi c’è il terrore,

lo sento implorare, anche lui parla con Dio,
sento la sua paura, è la stessa che sento anch’io…

Sole ti ringrazio per avermi dimostrato
che in fondo anche il leone è solo un cucciolo cresciuto,

e quando sarà il momento della mia partenza,
lo fisserò negli occhi e lui dovrà abbassare i suoi,

io sono la preda e lui è il cacciatore,
il leone e la gazzella un destino che è segnato,

ma per quanto possa uccidermi e straziare le mie carni,
non potrà più nascondere la sua paura

L’ultima volta che
ho visto te
ti ho chiesto “How are You?”
mi hai risposto che

“Fine, thanks, l am really happy now!
Everybody wants a moment like that!”

Me ne andavo per
una strada che
non conosco ma
ha il sapore di

un gelato che mangiavo tanto tempo fa,
che vendeva un uomo col carretto in riva al mare.

Il mare coi rumori e il profumo di
acqua salata, tanto sole che
brucia la pelle e i pensieri che
ti porti dietro dalla città

Come un falco sulla preda
già ti vedo persa dietro lui
come hai fatto quella volta
che hai fatto proprio così con me

I piercing che ti fai
I tatuaggi che
sono solo scuse
per dimenticare

un uomo che non ti può dare
il sapore del nostro mare

Il mare coi rumori e il profumo di
acqua salata, tanto sole che
brucia la pelle e i pensieri che
ti porti dietro dalla città

Il mare coi rumori e il profumo di te
acqua salata, tanto sole per noi
nella tua pelle nei tuoi pensieri
c’è posto solo per uno come me!

Mare profumato coi rumori dei profumi dei
rumori che profumano di te,
di acqua salata tanto sole che ti brucia sulla
pelle che si brucia sotto il sole che…

In questa estate non trovo pace,
troppi rumori, troppi silenzi,
che mi raccontano solo di te
e son prigioniero di troppi pensieri,
che non mi vogliono abbandonare
e si dilatano in ogni dove.

Solo il vecchio maestro mi può insegnare
come fuggire lungo scale interminabili,
dove mi confondo, sbaglio tempo e lo riprendo,
forse è un habanera, di sicuro non è un tango,
e ci tengo a non saper la differenza,
per lasciarmi andare con la fantasia,
la confusione è un piacere in questa triste civiltà,
non fermarmi per favore, continuiamo a suonare,
non lasciarmi qui da solo così.
In questa estate non trovo pace,
voci stonate, fuori battuta,
non riesco più a riprendere il tempo,
ho perso la chiave, non trovo più il tono,
dammi una mano per ricominciare,
one, two, tree, four, per ripartire.

Il ritmo che ci avvolge, che ci incalza,
come rondini nel cielo, che cabrano leggere,
poi scendono in picchiata e ridono felici,
lo standard che raddoppia e passa a un veloce swing,
vai maestro con la fisa, che io ti inseguo
con il piano, e se faccio troppe note,
ma chi se ne frega, tanto poi riprendi tu col sax
e una nota calda e pura come voce di sirene
che si tuffano ridendo in questo grande mar!

Nel cielo è scoppiato un gran casino,
cateratte tuoni lampi e torrenti fragorosi,
il ritmo selvaggio della pioggia ci accompagna,
all’improvviso esplode un altro tema,
tra i silenzi e le note di una fantasia infinita,
vola maestro che voglio dimenticare,
fammi volare più in alto per favore,
in quel locale segreto per i veri musicisti,
portami in cantina insieme a te!

I can’t find any peace this summer,
too much noise, too much silence
that tell me of nothing but you.
I am a prisoner of too many thoughts
which refuse to leave me
and increase with every question why.

Only the old maestro can teach me
how to escape from never-ending scales,
where I become confused, mistake a tempo then pick it up again.
Maybe it’s a habanéra, it’s definitely not a tango,
and I don’t care about the difference
to give full play to my fantasy,
confusion is pleasure in this sad society.
Please don’t stop me, let’s keep on playing
don’t leave me alone like this.

I can’t find any peace this summer,
voices out of time, out of tune.
I can’t find the tempo again,
I’ve lost the key, can’t find the tone.
Give me a hand to begin again
one, two, three, four, from the start.

The rhythm that surrounds us and follows us,
like swallows that soar gracefully in the sky,
then swoop down and gaily laugh.
The standard doubles and passes to a fast swing.
Take up your harmonica maestro, I’ll follow you on the piano,
and if I play a note too many, who cares,
you’ll be there to pick up your sax with
a warm and pure note like the voice of mermaids
joyfully diving into this vast sea.

Confusion has erupted in the sky,
cataracts, thunder, lightning and roaring torrents,
the wild rhythm of the rain is our accompaniment,
suddenly another theme explodes
among the silence and the notes of an unending fantasy.
Fly maestro, for I want to forget,
please, make me fly higher in that secret place for true musicians,
take me to the cellar with you!

In the Ocean you will be
like a fish, in the light of the moon,
on your island, on the beach,
you are living as a king.

But you shall never be alone, as the
light of the moon’s like a mirror.

Sweet pain give way to your feeling,
and you cannot forget the past,
all your life is like a movie,
performed just yesterday.

And the waves on the beach,
and footsteps on the sand,

and the shadows in the sky,
shall remind you of your love,
you cannot hide forgotten memories, or
yesterday in the smiling weather.

You’ve been waitin’ so long,
you’ve been waitin’ all this time,
like an eclipse in the sky,
like a flower in a box,like a window in the night,
like a door in yourself.

And the song of the Ocean
shall remind you of your past,
when you were with your love,
when she was everything to you.

And you remember another love and place,
and you remember the woman that you knew, and the
Ocean will open your mind to understand
what you can never forget.

And the waves on the beach,
and footsteps on the sand,
and the shadows in the sky,
and the song in the Ocean,
and the woman on your mind…

Nell’oceano sarai
come un pesce
alla luce della luna,
nella tua isola,
nella spiaggia,
vivi come un re.

Ma non sarai mai solo,
la luce della luna
è come uno specchio.

Piccole pene
si faranno sentire,
e non potrai scordare
il passato,
tutta la tua vita
è come un film,
girato appena ieri.

E le onde sulla spiaggia,
e le orme sulla riva,e le ombre nel cielo
ti faranno riaffiorare
il ricordo del tuo amore,
non puoi nascondere
i ricordi,
o il passato,
nel clima sorridente.

Hai atteso così tanto,
hai atteso tutto questo tempo,
come un’eclissi nel cielo,
come un fiore in una scatola,

come una finestra
aperta sulla notte,
come una porta
aperta su te stesso.

E il suono dell’oceano
ti ricorderà il tuo passato,
quando stavi con la donna che ami,
quando lei era tutto per te.

Ti verrà in mente
un altro amore e
un altro posto,
ti verrà in mente
la donna che hai conosciuto,
e l’oceano ti porterà
a capire ciò che
non hai mai dimenticato.

E le onde sulla spiaggia,
e le orme sulla riva,
e le ombre nel cielo
e la canzone nell’oceano,
e la donna nella tua mente…

Mi piace parlare sincero,
mi piace fare la battuta,
anche se può significare
farsi dei nemici.

Mi piacciono le parole schiette e forti
che non odorano di sudari sporchi.
Mi piace stare ad ascoltare il
suono di campane in festa.

Amo scambiare i miei pensieri
con quelli di persone vere
e cercare di capire
chi non sa che cosa vuole dire.

Mi piace cercare di scoprire
cosa resta da fare
per essere ancora più veri,
senza fermarsi ai desideri…

Mi piace dormire su un prato,
mi piace l’odore dell’erba
quando è piovuto.

Mi piace entrare nei tuoi sogni
a tempo scaduto
e ascoltare una canzone
che avevo scordato

Mi piace la tua voce
che gorgoglia nel sorriso
e il tuo sguardo felice
puntato sul futuro,

mi piace raccogliere i resti
di una cena fra amici
e ridere piano al ricordo
di questi momenti felici

Mi piace guardarti
raccogliere conchiglie,
creare mosaici
con vetri e con sassi

mi piace sentirti parlare
di piccole cose,
di quello che resta da fare,
di quello che resta da dire.

Mi piace passeggiare tra i monti,
il pensiero che vola lontano,
alberi forti
che segnano il cielo
e prati e colline, intorno a
noi, e prati e colline, intorno a

Mi piace parlare sincero, mi piace fare la battuta,
noi, intorno a noi, intorno a
anche se può significare farsi dei nemici. Mi
noi, intorno a noi…
piacciono le parole schiette e forti che non odorano di sudari sporchi.

E’ vero che per te io sono solamente un
uomo che non ha realizzato niente, in
questo mondo che gira intorno io
sono quello che perde sempre
sa – ai, ehi – ehiIo vivo così, nell’attesa di
domeniche che poi sono solamente

attimi che tu mi concedi se io
sono come vuoi, una bambola che

no – o, non ha una vita che possa
ricordare, ma ti prego, per favore, non mi

trascinare nei tuoi guai, io sono solamente un
uomo, come sai, non dimenticarlo mai…
E se adesso tu vuoi l’amore che
non fa respirare, che non lascia più dormire

io mi fermo qui, perché basta così,
basta coi tuoi giochi di potere e seduzione.

Lo vedi anche tu, nella mia vita non c’è
posto perché noi si possa realizzare
qualche cosa che possa andare bene a
una come te, che non sa mai dire
no – o -oi, no – o – oi

Io io io, solamente io riesci a dire tu,
io io io, solamente io mi ripeti tu,
mai dici noi, per te solamente tu ci sei, e allora
io io io, ti rispondo che non ci sto più,

io io io, solamente io riesci a dire tu, e allora
io io io, ti rispondo che non ci sto più.

E siamo qui, senza un perché,
come la sera che insegue il tramonto,
i o guardo te e intorno a me,
come i giardini nel maggio fiorito,

i l tuo profumo mi prende la mano,
provo a fermarmi non sono sicuro,
m a tu lo sai come in c e r t i momenti,
non puoi lottare con i sentimenti,

e – e, in un momento solo scopro che le tue paure sono
come nebbia al sole che sparisce nella luce e nel
calore di una come te – e

io e te, solo tu, io e te, solo noi, io e te, solo tu, io e te, solo noi,
io e te, solo tu, io e te, solo noi du – u – e,

un frammento sospeso nel vuoto di quest’universo smarrito e insicuro,
alla ricerca di nuove armonie come no – o – oi,

io e te, solo tu, io e te, solo noi,
io e te, solo tu, io e te, solo noi,
io e te, solo tu, io e te,
solo noi d u – u – e…

Io guardo te, tu guardi me,
in questa magica sera d’estate,
io come te, tu come me,
senza parole, ma sempre più vicini
e questo cielo che apre le sue ali
e ci sorride alla luce delle stelle,
guardo i tuoi occhi nel buio profondo,
una scintilla che illumina il mondo,

e – e mi accorgo all’improvviso di scoprire sul tuo viso quelle
stesse sensazioni che nascondono emozioni che in
fondo sento anch’io per te – e

io e te, solo tu, io e te, solo noi,
io e te, solo tu, io e te, solo noi,
io e te, solo tu, io e te, solo noi
du – u – ue

In questa mattina profumata io coltivo l’insalata,
in questo giorno di splendori io annaffio i pomodori,

col mio lavoro io difendo le piantine
dalla sete, dalla fame, dalle malattie.

Con la vanga scavo i fossi, tolgo i sassi, li separo,
i più belli poi li userò per fare dei sentieri,

piccole strade che puoi fare solo a piedi
in un labirinto di profumi e di colori.

Io sono solamente un semplice ortolano
un mestiere antico quasi come questa terra,

e fra melanzane, cavolfiori, ravanelli,
a volte mi commuovo, e non sono le cipolle.

Quando annaffio alla sera sento come una preghiera,
forse è una sensazione, ma c’è una vibrazione,

le mie piante sanno quando sto arrivando
sentono il calore di una mano loro amica.

Io mi chiedo quante volte un dottore o un infermiere
sentiranno sensazioni e dolcissime emozioni

quanta gioia nel curare esseri umani
quanto amore che avranno fra le loro mani.

Le piante parlano soltanto con gli aromi,
un silenzio muto fatto solo di profumi,

ma gli esseri umani sanno pure cosa dire,
con gli sguardi, le parole, con il loro cuore.

Io sono solamente un semplice ortolano
un mestiere antico quasi come questa terra,

e fra melanzane, cavolfiori, ravanelli,
a volte mi commuovo, e non sono le cipolle.

My salad’s growing on this fragrant morning.
I’m watering my tomatoes on this splendid day.

and I defend my plants with this job
from thirst, hunger and disease.

I dig trenches with my spade and take out the stones
laying aside the best ones for making paved-paths.

Little pathways made only for walking
through perfumed, coloured labyrinths.

I’m just a simple vegetable gardener whose job is
almost as old as the earth,

and among aubergines, cauliflowers and radishes
sometimes I cry, but not because of the onions.

As I water my plants in the evening, I feel there is a prayer,
maybe it’s a sensation, or a sort of vibration

my plants know when I am coming
they feel the warmth of a friendly hand.

I ask myself how often does a doctor or nurse feel such
sensations and sweet emotions,

how much joy in caring for people,
how much love they must have in their hands.

Plants communicate only through their fragrance
A mute silence composed of perfumes,

but humans are able to express themselves
with glances, with words, with their hearts.

I’m just a simple vegetable gardener whose job is
almost as old as the earth,

and among aubergines, cauliflowers and radishes
sometimes I cry, but not because of the onions.

Aprimi, il tuo sorriso,
guardami, il tuo viso,
una luce che vede dentro me,
nelle pieghe di quest’anima…

Nei tuoi occhi, vedo riflessi di un sole,
che non tramonta mai,
e ci guarda, mentre noi,
sulla riva di questo mare blu…

E sento il vento d’estate sfiorare acque agitate,
milioni di creature, che vivono in fondo al mare,

e vedo un mondo di azzurro, sotto i riflessi del sole,
vedo alghe, pesci e meduse, danzare al ritmo del mare.

Danzano acque profonde del mare, danzano pesci e sirene lontane,
danzano come bambini nel prato, come le foglie sui rami lontani.

Danzano acque profonde del mare, danzano pesci e sirene lontane,
danzano come bambini nel prato, come le foglie sui rami lontani.

Girati, il tuo sguardo,
no, non servono parole,
e il silenzio, che ci parla, sai,
è un amico, che non ci lascerà…

Sento il silenzio del mare, nella notte che scende leggera,
sento il buio profondo, che cancella una parte del mondo,

e vedo le stelle del cielo, che si accendono piano sul mare,
vedo i nostri corpi abbracciati, che cominciano a sognare,

Danzano acque profonde del mare, danzano pesci e sirene lontane,
danzano come bambini nel prato, come le foglie sui rami lontani.

Danzano acque profonde del mare, danzano pesci e sirene lontane,
danzano come bambini nel prato, come le foglie sui rami lontani.

Questo tempo strano,
queste nuvole sopra noi,
ci portano lontano,
dove non vorremmo mai.
Mano nella mano,
siamo qui vicini
eppur così lontani,
due mondi separati.

Sento la mia voce
risponderti da sola,
sento i miei pensieri
seguire un’altra via.
Così all’improvviso
e senza un perchè,
mi accorgo che è finita
tra di noi.

E quel tuo sorriso
la vita era per me,
ma ora è solo un’ombra
che non mi tocca più,
come cambiano le cose
nel tempo e nello spazio,
così cambiano le persone
in un momento solo.

Sì potremmo fingere,
continuare a stare insieme
ma la nostra storia
è finita qui …
La fine di un amore
è scritta nel destino
come questo amore
dissolto in un momento.

Forse è stato il vento
o queste nuvole chissà
però è accaduto
proprio poco fa.
Dopo questo giorno
non sarà più uguale a prima,
è inutile far finta,
inutile mentire.

E quand ch’e’ vèn la séra
e’ sol e va a’ durmì,
in te zil tra e’ lom e’ scur,
prema che us faza bur,

la s’impeja la mì stela,
s’t’an la cnos l’è la piò bela,
una lus ch’l’at fora i oc,
una lus ch’l’at fa ste in znoc

tu la rama, tu la rama la piò
bela, strapa i fiur ch’at pies a
te, spiana coma par un
re al finestar dla mi ca

tu la bocia, tu la bocia, tu la bocia dè sazvés
l’è la festa, l’è la festa, l’è la festa dè paes

A voi bale tota la séra,
a voi sintì e’ parfom dla premavéra
A voi bale par qui chi gn’era,
a voi fe l’amor in tla spagnera
A voi fè l’amor
tota la not sota la stela
A voi fè l’amor
tota la not cun la mi bela!

E’ mì paes cun qui ch’i j éra,
qui chi gn’era, qui chi j era,
e mì paes l’è coma me,
uj basta e sol in mez a un prè,

parò la not a voi la stela
par fe l’amor cun la mi bela,
parò la not a voi la stela
par fe l’amor cun la mi bela,

a voi fè l’amor im mez a un pre,
a voi fè l’amor coma ch’um per a me,
a voi fe l’amor sota la stela,
a voi fè l’amor cun la mi bela,

parò la not a voi la stela
par fe l’amor cun la mi bela,
parò la not a voi la stela
par fe l’amor cun la mi bela.

La Preside mi ha detto che ci lascerà
fare quella festa giù in città,
ma quanto ci costerà
fare questa festa qua!
No non si poteva fare a scuola perché
il nostro progetto l’ha vietato lei,
come per le gite lei,
vieta che non si sa mai

Vietato respirare, vietato commentare,
vietato dissentire, è vietato anche capire!

Preside Preside per fare quel che pare a te,
Preside Preside per fare quel che piace a te
non è abbastanza no, non è abbastanza no,
che ce la paghiamo da soli noi,

non è abbastanza no, non è abbastanza no,
dobbiamo fare solo quel che vuoi, e la
Preside, Preside, non è più un Preside,
è un Dirigente Scolastico, ma la
sfiga, la sfiga puoi cambiarle anche il nome,
sempre quella rimane,

Vietato respirare, vietato commentare,
vietato dissentire, è vietato anche capire!

Tu che parli di modernità,
non sai accendere neanche un Pc,
ma cosa abbiamo fatto mai
per meritarci questa qui!
Tu che tieni i conti non ti rendi conto che
anche lo studente è uno importante,
tu non lo capisci e così
vieti che non si sa mai

Vietato respirare, vietato commentare,
vietato dissentire, è vietato anche capire!

Tu che non hai fatto mai neanche l’Università,
vieni a sgridare noi, con un italiano che, peggio di un bambino,
non ci capiamo no, non ci capiamo no,
con tutta la tua burocrazia,

non ci capiamo no, non ci capiamo no,
con tutta la tua ipocrisia, e la
Preside, Preside, non è più un Preside,
è un Dirigente Scolastico, ma la
sfiga, la sfiga puoi cambiarle anche il nome,
sempre quella rimane,

Vietato respirare, vietato commentare,
vietato dissentire, è vietato anche capire!

E quando il sale sarà salato
e quando il ghiaccio sarà ghiacciato
e quando l’acqua sarà bagnata
e quando il bacio sarà baciato,
questa canzone che mi sorprende,
che mi racconta della Sirena innamorata,
come le nuvole a pecorelle
che si baciavano sotto le stelle, sul mare…

Piglia la figlia, piglia la foglia,
fila la lana della famiglia,
e la lumaca della vicina
va sul soffitto della cucina,
e la cucina guarda il tramonto,
conto le stelle ma non ti sento
e questo canto che ci racconta
della Sirena innamorata della luna
in fondo al mare…

Mare, mar, mare, mare, mare
che la luna fa cantare
Mare, mare, mare, mare, mare
che la luna fa sognare,
e la Sirena innamorata
che si consola con la cioccolata
in fondo al mare,
e la Sirena sogna la luna,
mandale un bacio che porta fortuna
in fondo al mare…

E il pesce a palla, palla rotonda,
palla che gioca, che corre sull’onda,
e la Sirena innamorata
che si mangiava la cioccolata,
mentre sognava di uscire dal mare,
andar sulla luna a nuotare…
come nuotavano le pecorelle
in alto nel cielo sotto le stelle, sul mare…

Guardo questo sole e sono contento,
alzo gli occhi alcielo e non mi lamento,
guardo verso il mare quante nuvole ci sono già,
è la pioggia che sta arrivando qua

Guardo le tue mani e sono felice, guardo la tua
schiena e sento la pace, scopro nel tuo
viso un sorriso,
che dice già,
è la pioggia che sta arrivando qua

A fadigh en tota la giurneda,
a lavure fèna a nota fonda,
a s’a f a r m e n sol cun la timpesta,
an’ s’a f a r m e n g n a n c a par la Festa,
sota a ste sol ch’e’ b r u s a la s c h e n a,
a voi d u r m ì f è n a d m a t e n a!

Nasce il tuo p r o f u m o dalla terra, nasce fra le
piante n e l l a serra, viene su dal
fiume n e l l a sera,
portando già,
gocce di pioggia che sta arrivando qua

Senti questo vento sulla tua pelle, senti questo
brivido sulle spalle, questo
desiderio che mi accende,
pensando a te,
è la pioggia che sta arrivando qua

A f a d i g h e n t o t a l a g i u r n e d a,
a l a v u r e f è n a a n o t a fonda,
parò s t a v o l t a e mì s g n o r p a t r ò,
am vegh a cà, an voi piò l a v u r e,

am vegh a cà da la mì ‘mbrosa,
a vegh a fe quel ch’u’m per a me,
am vegh a cà da la mì ‘mbrosa,
a vegh a fe quel ch’u’m per a me!

Guardando la pioggia, contavo il mio tempo,
e distrattamente, sai, vedevo sfiorire

pochi petali di rosa che un tempo avevi donato a me,
come antiche cartoline, che ingialliscono in cornici argentate,

e sentivo quel sapore amaro delle nostre lunghe discussioni,
un dibattito convulso fatto di affermazioni e di negazioni….

E quando l’angelo che mi seguiva disse: “Come vedi, sono anch’io qua!”,
ho disteso le mie ali al sole, per asciugarmi dall’umidità.

Il suo viso come sfinge, che contempla mondi che nessuno sa vedere,
solo sogni che si perdono nella speranza di trovare il vero amore,

l’amore che stupisce, che ti fa cantare,
l’amore che sussurra, che ti fa volare,

l’amore è una canzone, che non può finire,
l’amore è una sorpresa, che può fare male…

E ritorno al mio presente, alla mia crisi di identità,
e ritorno con la mente a ciò che mi dicevi poche sere fa,

con parole aspre come il mare, e le paludi di questa città,
che ondeggiano all’orizzonte, ai confini della realtà,

e si stendono come un sudario silenzioso, che la nebbia coprirà,
una nebbia che ti fa smarrire, anche tra i confini della tua città.

E ti arriva uno di quei momenti che ti osservi nella nuda realtà,
che puoi fare finalmente i conti, e accettare la tua fragilità,

per scoprire come in fondo alle giornate che si inseguono senza ragione
il tuo essere bambino salti fuori per cercare il vero amore,

l’amore che stupisce, che ti fa cantare,
l’amore che sussurra, che ti fa volare,

l’amore che trasforma, che si fa giocare,
l’amore che innamora, che si fa amare…

Combien d’histoires,
combien de problèmes.
La vie est un jeu
de cœur et d’amour.

L’amour et son absence sont
toujours la même chose,
deux visages de la
même planète.

Combien de jours tu a
pensé et parlé,
combien de fois tu a
vécu pour l’amour.

La lune qui me parle, la
mer qui me chante, le
vent qui me port le parfum d’une
personne qui habite dans mon cœur.

L’amour à plusieurs visages,
mais est toujours le même
qui vit dans le silence
de ton cœur.

Je voudrais chanter l’amour, mais je me
rappelle seulement de tes jeux qui me regarde.
Et dans ce regard j’ai vécu tout
l’amour du monde et alors

je vais sourire a toutes les femmes
parce que je n’ai plus besoin de rien
et je peux seulement écrire une
petite chanson pour lui chanter.

Ah, l’amour, l’amour,
c’est une chose qui fait parler beaucoup,
mais pour une fois je préfère laisser
parler le silence…

Vedi sulla strada dei semafori
che sono sempre verdi ma
no, non si arriva mai
vedi tanti incroci tutti inutili
e non capisci se
c’è un’ uscita anche per te.

Uscita, uscita, uscita
da quest’ autostrada
che non finisce mai
Io cerco un’altra via
per andarmene
dal traffico che
non ci lascia vivere

Apri la tua mente, apri la tua mente,
guarda gli occhi di
chi ti vuol rubare l’anima, l’anima,

apri la tua mente, apri la tua mente
guarda il cuore di
chi ti vuole vendere questa umanità

Questa umanità che non sa cos’è
questa umanità che non sa dov’è
dove sta di casa la felicità
dove sta di casa la libertà

l’anima è un animale che
brucia tutti quelli come te
quelli che per quattro soldi si
vendono l’anima, l’anima,

l’anima non è come la pensi tu
l’anima non te l’insegna la tivù
l’anima è un’anima candida o
non è più l’anima, l’anima

anima mia dove sei non lo so
anima mia cosa sei non lo so…

Io che mi domando
dove sono ormai
le d o m a n d e che
si fanno quelli come me,

cerchi la mia mano sul volante ma
devo guidare sai
cerco un’uscita anche per te

Uscita, uscita, uscita
da quest’ autostrada
che non finisce mai
Io cerco un’altra via
per andarmene
dal traffico che
non ci lascia vivere…

Le chat qu’il mange le rat,
le vent qu’il port la pluie
et la fenetre et la lumière,
qu’il sont toujours perdu

et le soleil qu’il n’arrive pas a la dimanche
et le soleil n’est pas suffi pour ton enfant.

Tu sei seduta lì
e guardi verso chi
un giorno forse
ti potrà anche aiutare, ma

ma quante volte hai sentito i tuoi parenti che
ti han rimproverata per aver avuto lui

et le soleil qu’il va, et le soleil qu’il vient,
et le nouages qu’ils sont perdu par tout le ciel

ahh, le ciel que tu voudrais n’est pas sortie encore,
ahh, le ciel a le couleur de ton esprit …

Se guardi in alto tu
potrai vedere che
il cielo che cercavi tu
è solo dentro te

et le soleil qu’il n’arivees pas a la dimanche
et le soleil n’est pas suffi pour ton enfant,

et le soleil qu’il va, et le soleil qu’il vient,
et le nouages qu’ils sont perdu par tout le ciel

ahh, le ciel que tu voudrais n’est pas sortie encore,
ahh, le ciel a le couleur de ton esprit …

ahh, le ciel que tu voudrais n’est pas sortie encore,
ahh, le ciel a le couleur de ton esprit …

Ti chiedi come mai
questi giorni non pa – assano più
giorni e notti che si inseguono come il
ve – ento che mai
non si arresta, lasciandoti senza
respiro per fare l’amore, per dire le
co – ose che tu sai
e soltanto il silenzio
r i m a – n e tra di noi.

Quante volte sono stato tentato di
di – irti che è tutto
inu – utile,
come sole e luna che si inseguono senza
tocca – arsi mai
son le nostre vite e ora ci manca il
respiro per fare l’amore, per dire le
co – ose che tu sai
e soltanto il silenzio
rima – ne tra di noi,

colori inutili sulle
pare – eti intorno a noi
e ricordi che invano combattono
con la realtà.

I minuti con le ore si confondono
se – empre più,
inarresta – abili,
come muti testimoni di un evento che
no – on ha un perché
e ci lascia svuotati e senza
respiro per fare l’amore, per dire le
co – ose che tu sai
e soltanto il silenzio
rima – ane tra di noi.

Le idee ci confondono
le idee sono cose astratte
le idee si diffondono
più veloci della televisione

Le idee si sovrappongono
si mischiano si vendono
a volte si vergognano
o ci fanno vergognare

Entrano nella testa e vogliono comandare
ci fanno sognare ci fanno disperare
certe volte possono fare un gran casino
che ci impedisce anche di pensare

ci sono idee che fanno male
ci sono idee che parlano da sole
ci sono idee per ogni stagione e
forse c’è un’idea anche per me

Le idee si impongono
viaggiando sulle nostre teste
non sono riconoscenti
e non ringraziano quasi mai

Le idee non si fermano ai semafori
e non si lasciano addomesticare
le idee sono folli sono tonde sono giuste
sono l’espressione di ognuno di noi

ci sono idee che fanno male
ci sono idee che parlano da sole
ci sono idee per ogni stagione e
forse c’è un’idea anche per me…

Ci libereremo di queste zanzare,
ci libereremo di questo sudore,
ci libereremo delle notti oscure,
ci libereremo delle tue paure,

ci libereremo di questo domani,
che ci insegue giorno e notte come i cani,
ci libereremo con la fantasia,
che tutte le storie poi si porta via

Liberi, liberi liberi, liberi, liberi liberi
liberi, liberi liberi, liberi saremo noi!

Liberi saremo veramente
quando il nostro Presidente
farà crescere i capelli
sui pelati di ogni età

Liberi, liberi liberi, liberi, liberi liberi
liberi, liberi liberi, liberi saremo noi!

Ci libereremo di chi ci contesta,
ci libereremo di chi non fa festa,
ci libereremo dell’opposizione,
ci libereremo dell’estrema unzione,
cosa ce ne frega della tua opinione,
cosa ce ne frega della tua illusione,
cosa ce ne frega se c’è un padrone,
tutti liberi ci farà!

Liberi, liberi liberi, liberi, liberi liberi
liberi, liberi liberi, liberi saremo noi!

Liberi saremo dalle tasse,
liberi saremo dalla tosse,
liberi saremo dalle risse,
liberi saremo come piace a lui!

Liberi, liberi liberi, liberi, liberi liberi
liberi, liberi liberi, liberi saremo noi!

Liberi liberi, liberi liberi,
liberi liberi, liberi liberi,
liberi liberi, liberi liberi,
liberi saremo noi!

Liberi, liberi liberi, liberi, liberi liberi
liberi, liberi liberi, liberi saremo noi!

Liberi, liberi liberi, liberi, liberi liberi
liberi, liberi liberi, liberi saremo noi!

Liberi liberi, liberi liberi,
liberi liberi, liberi liberi,
liberi liberi, liberi liberi,
liberi saremo noi!

Cerco negli angoli dove
Non giunge mai il sole
Cerco la polvere negli angoli oscuri
Per ascoltare la voce dei muri
Che parla di
Chi non sa
Andare via di qua
Guardare un po’ più in là
Lucia è una bimba di vetro
che cerca solo un po’ di profumo
La carrozzella un aeroplano
che vola in giro per il mondo

E per te le nuvole come dei gelati
E così questa vita di prigione fatta solo di speranze,
portami lontano che voglio dimenticare quelle cose
che hanno fatto qui la differenza
Portami con te nei tuoi sogni di bambina,
in quel cielo che ti guarda di lassù

Tutto ciò che voglio è una radio tutta mia, per
andare lontano con la fantasia
A questa vita ho voluto tanto bene,
nonostante le sue catene
Nella mia mente immagini
Di tanto tempo fa
Come quando ho visto il mare
Quanto grande sarà
E mi porterà la voce
Di chi come me

E per te le nuvole come dei gelati
E così questa vita di prigione fatta solo di speranze,
portami lontano che voglio dimenticare quelle cose
che hanno fatto qui la differenza
portami con te nei tuoi sogni di bambina in quel
cielo che ti guarda di lassù

Portami lontano non ho voglia di parlare,
voglio solo stare qui,
solo insieme a te,
cantare con te,
sognare insieme a te,
Cantare con te,
sognare con te.

Sono chiuso qui nel traffico
che guido e sto pensando a te.
Vedo immagini fantastiche
che mi parlano di te.

Forse questo non è amore, ma
non è neanche un’abitudine,
mio diamante purissimo,
splendi come luna intorno a noi.

Sono come un serpente che
dorme sulle rocce aride,
tu sei come una mangusta che
sta lì ad aspettare me.

In questa sera interminabile,
di alfieri e cavalli come te,
mia regina purissima,
splendi come luna intorno a noi.

E come luna che specchia nel cielo il riflesso di questa città,
tu mi rimandi la luce di un fragile volto perduto nel blu…

Ahi, luna, luna, luna, luna che stai lassù,
ahi, luna, luna, luna, luna tu, solamente tu,
con un fremito di semplici parole tu,
mi riporti su nel cielo per sognar con te,
ahi, luna, luna, luna, luna che stai lassù,
ahi, luna, luna, luna, luna tu, solamente tu…

Siamo persi in questa vita qui,
come jene che si sbranano,
siamo chiusi in quest’inferno che
ci sta divorando tutti , ma

in questa notte inconfondibile
di a m o r i e similitudini,
mia regina purissima,
splendi come luna intorno a noi…

A Lupo da bambino, piace correre sui prati
col suo fratellino, corre e gioca a nascondino
E la mamma (e la mamma)
coi bambini (coi bambini)
gioca ancora (gioca ancora)
a scappare insieme come fossero tre fratellini!

Diventato uno scolaro, ha trovato una maestra, che
non gli vuole bene, e lo tratta con disprezzo
E la scuola (e la scuola)
che tormento (che tormento)
non vede l’ora (non vede l’ora)
di tornare a correre nei prati con il fratellino!

Quanti bambini costretti a studiare
quanti bambini vorrebbero giocare
Canta la conta canta una canzone
tanto domani non ci saremo più!

Quando Lupo è ragazzino, vuole andare in discoteca.
Se non ci sono i soldi, lui li trova in qualche modo
E la banda (e la banda)
degli amici (degli amici)
è una scuola (è una scuola)
è la nuova casa che ti insegna solo ad essere felici!

Per un po’ di fumo, poi finisce in gattabuia.
Persona segnalata, è un guaio col lavoro.
A vent’anni (a vent’anni)
non è mica (non è mica)
facile trovare (facile trovare)
un lavoro che ti dia i soldi per uscire insieme a te!

Quanti soldi in questa vita
per uscire sabato di sera,
forse è meglio farla finita
devo rubare un po’ di più!

Lupo quella sera, corre dal demolitore
vuol rubare un pezzo, che gli serve l’indomani.
E i cani (e i cani)
l’han capito (l’han capito)
e l’inseguimento (e l’inseguimento)
è come giocare a nascondino con il fratellino!

Quando l’han trovato, lui chiedeva
“Per favore portate via quei cani,
non li voglio più sentire”.
E le mani (e le mani)
sono piene (sono piene)
del suo sangue (del suo sangue) che
fuma nella notte fredda e oscura come quando eri bambino!

Ora Lupo se n’è andato
dalla vita che non lo voleva
Canta la conta, canta una canzone
tanto domani non ci saremo più!

Ora Lupo se n’è andato
dalla vita che non lo voleva
Canta la conta, canta una canzone
tanto domani non ci saremo più!

Ma dove
vai, ma cosa fai, ma dove
sei, ma con chi sei, ma dove
vai, ma cosa fai, ma dove
sei, ma con chi sei, e poi ci

sei, o non ci sei, e poi ci
fai, o non ci fai, e poi ci
sei, o non ci sei, e poi ci
fai, o non ci fai… Ma dove

vai, ma cosa fai, ma dove
sei, ma con chi sei, ma dove
vai, ma cosa fai, ma dove
sei, ma cosa sei – i – i

Questo buio, fra di noi,
senza neanche un perché…

Ore e ore, che sono qui,
giorni e notti da solo così,
e mi sbaglio oppure anche tu,
stai cercando, così come me…

E sono
qui e penso a te, e solo
tu negli occhi miei, e sono
qui e penso a te, e solo
tu negli occhi miei… Ma dove

vai, ma cosa fai, ma dove
sei, ma con chi sei, ma dove
vai, ma cosa fai, ma dove
sei, ma cosa sei – i – i

Ma dove
vai, ma cosa fai, ma dove
sei, ma con chi sei, ma dove
vai, ma cosa fai, ma dove
sei, ma cosa sei…

Eccolo, quell’attimo,
che ti sorprende
quando anche tu
avevi ormai
dimenticato
che una vita inutile
può far soffrire
anche di più
di una vita
fatta di malinconia.

Amica mia,
tu sola sai cos’è la poesia,
tu sei la sola
che mi può ascoltare,
tu sei la sola
che mi può aiutare.
Averti qui,
anche a quest’ora
non mi può bastare,
da troppo tempo
non sentivo più
la tua presenza
dentro casa mia.

Anche se tu non lo sai,
una voce, dentro me,
mi dice che,
oramai,
è finita tra di noi.
Ma quanto pesano i ricordi
in questa nebbia
silenziosa,
dove tu sei viva
più che mai.

Malinconia,
tu sola sai se è vero o no che io
sono solo uno
che si è arreso,
e cerca solo
la tua compagnia,
amica mia
tu sola sai
cos’è la poesia,
tu sei la sola
che mi può ascoltare,
tu sei la sola
che mi può aiutare.

Malinconia,
tu sola sai se è vero o no che io
sono solo uno
che si è arreso,
e cerca solo
la tua compagnia.

Certe volte tu,
proprio come me,
guardi un cielo blu,
per scoprire che
non c’è posto
per quelli come noi,
e ti accorgi che siamo soli qua…

Ehi, ehi mama,
dov’è che vai mama,
dov’è che sei mama,
cos’è che fai mama,
ehi, ehi mama,
dov’è che vai mama,
dov’è che sei mama,
cos’è che fai mama,

dopo il tramonto,
prima che scenda il buio,
in quell’attimo senza parole,
guardi il cielo,
questo scrigno
segreto e profondo,
che nasconde la luce del sole,

se chiudi gli occhi un istante,
ha lo stesso colore
del tuo pensiero,
come quando
eri bambina e giocavi
a esplorare le terre lontane…

Io non so se tu
puoi sentirmi,
ma dentro gli occhi tuoi
vedo il buio ormai,
guardi un po’ più in là,
verso un punto
che ti appartiene,
ma vedi solo tu…

Ehi, ehi mama,
dov’è che vai mama,
dov’è che sei mama,
cos’è che fai mama,
ehi, ehi mama,
dov’è che vai mama,
dov’è che sei mama,
cos’è che fai mama…

Visto di lato,
questo mondo selvaggio e crudele,
di polvere e sale,
visto di lato
questo mondo testardo e feroce,
in fondo non è così malvagio,

vista di lato,
questa vita
è come un frammento
di un sogno spezzato,
vista di lato,
questa vita
è solo un disegno
sulla riva del mare…

Ehi, ehi mama,
dov’è che vai mama,
dov’è che sei mama,
cos’è che fai mama,
ehi, ehi mama,
dov’è che vai mama,
dov’è che sei mama,
cos’è che fai mama…

Sometimes, you
just like me,
see blue skies,
only to discover that
there’s no room
for people like us,
and you realize that we are alone here…

Hey, hey mama, where’re you going,
where are you mama, what are you doing mama
hey, hey mama, where’re you going,
where are you mama, what are you doing mama.

After the sunset and just before night falls,
At that moment without speaking, look at the sky,
at that deep, secret casket which hides the light of day.

If you close your eyes for a moment,
the colour is that
of your thoughts
when you were a child
and played at exploring
distant lands…

I don’t know
if you can hear me,
but I can now see
the darkness in your eyes.
Look a little further on
towards a familiar object
that only you can see…

Hey, hey mama, where’re you going,
where are you mama, what are you doing mama
hey, hey mama, where’re you going,
where are you mama, what are you doing mama.

Looking sidelong
at this savage, cruel world
of dust and salt,
looking sidelong
at this harsh, fierce world,
it’s not so bad after all.
Looking sidelong,
this life,
is like a fragment
of a broken dream.
Looking sidelong,
this life is just an etching
on the shore line of the sea…

Hey, hey mama, where’re you going,
where are you mama, what are you doing mama,
hey, hey mama, where’re you going,
where are you mama, what are you doing mama.

In questa notte di luna
sento le onde del mare,
in esta noche rosada,
siento profumo di te.

Una chitarra che suona
una canzone per te,
sento una voce lontana,
che sta cantando così:

Quando calienta el sol, yo me ne
voy là nella playa,
quando calienta el sol yo voy
cantando una cancion:

Ahi, vieni, vieni, vieni a bailar el mambo,
ahi, vieni, vieni, vieni a bailar con mi!

Baileremo fino a notte fonda, questo
mambo che ci porta sulle onde, che ci
spinge nell’oscurità di questa notte,
che ci fa cantar così:

Ahi, vieni, vieni, vieni a bailar el mambo,
ahi, vieni, vieni, vieni a bailar con mi!

Questo mambo da bailare come
fan le onde di questo mare,
così ti prendo, poi ti stringo, ti rimando
fino a quando arriva un altro mambo…

In questa notte d’incanto,
sotto le stelle del cielo,
senti una voce lontana
che sta cantando così:

Quando calienta el sol, yo me ne
voy là nella playa,
quando calienta el sol yo voy
cantando una cancion:

Ahi, vieni, vieni, vieni a bailar el mambo,
ahi, vieni, vieni, vieni a bailar con mi!

Baileremo fino a notte fonda, questo
mambo che ci porta sulle onde, che ci
spinge nell’oscurità di questa notte,
che ci fa cantar così:

Ahi, vieni, vieni, vieni a bailar el mambo,
ahi, vieni, vieni, vieni a bailar con mi!

Questo mambo da bailare come
fan le onde di questo mare,
così ti prendo, poi ti stringo, ti rimando
fino a quando arriva un altro mambo…

Senti questo sole che ci scalda e ride di lassù,
queste gocce di rugiada sono proprio come te,
un fiore bellissimo,
un fiore incantevole,
e questo mare azzurro come questa estate
ci fa sognare, tutto il resto non c’è più.

Sali sulla barca andiamo in mare vieni insieme a me,
sulle onde a navigare proprio come piace a te,
un mare fantastico,
un mare dolcissimo,
e questo mare azzurro come questa estate
ci fa sognare, tutto il resto non c’è più.

E – e sono qui,
e – e sono là,
questo mare con la schiuma sulle onde
dove andrà a pescare questa schiuma non si sa.

E – e tu sei qui,
e – e tu sei là,
Questo mare ci accompagna come un sogno nella sera,
che si accende con l’arrivo della luce della luna,

una luna splendida,
che brilla così come te,
e questo mare azzurro come questa estate
ci fa sognare, tutto il resto non c’è più.

E – e sono qui, e – e tu sei là,
e – e sono là, e – e tu sei qui,

e – e questo mare, e – e questa estate
c i – i fa sognare, tutto il resto, non c’è

più tutto il resto, non c’è più
tutto il resto, non c’è più, tutto il resto, non c’èpiù tutto il resto, non c’è più

tutto il resto, non c’è più, tutto il resto, non c’è

più

Marilyn, Marilyn, Marilyna, sei solo tu,
Marilyn, Marilyn, Marilyna, per sempre tu.

Occhi come stelle,
che guardano il cielo,
due labbra tenere,
che sognano l’amore.

E il tuo corpo candido,
come una bambina
e il sorriso splendido
di un angelo apparso fra noi,

Marilyn, Marilyn, Marilyna, sei solo tu,
Marilyn, Marilyn, Marilyna, per sempre tu.

Sei un mito che ci fa sognare
una vita da star,
un mito che non può tramontare
e non tramonterà,

Marilyn, Marilyn, Marilyna, sei solo tu,
Marilyn, Marilyn, Marilyna, per sempre tu.

Ma chi è Norma Jean,
non me lo ricordo
e forse neanche tu
ti ricordi più.

Nell’Olimpo delle star
non c’è posto per rimpianti,
piedistalli, cuori infranti,
barbiturici e calmanti,

Marilyn, Marilyn, Marilyna, chi è Norma Jean,
Marilyn, Marilyn, Marilyna, non lo so più,

Marilyn, Marilyn, Marilyna, sei solo tu,
Marilyn, Marilyn, Marilyna, sempre di più!

Ehi mama mama hai visto il gatto dove sta
Ehi mama mama hai visto il gatto cosa fa
È salito in cima all’albero proprio come dicevi tu
È salito fino in cielo non tornerà mai più

E’ salito come un fulmine cercando quell’uccello che
da una settimana svolazza qua e là
Ehi mama mama se non mi aiuti tu
Ehi mama mama non scenderà mai più!

Ehi mama mama prendi questa scala qua
Ehi mama mama io salgo su quel ramo là.
Su quel ramo in cima al mondo c’è appeso il tuo Mimì,
sta cercando aiuto non riesce a tornar giù,

ma l’istinto della caccia è forte tu lo sai
e come l’amore ti porta solo guai.
Ehi mama mama se non mi aiuti tu
Ehi mama mama non scenderà mai più!

Ehi gatto gatto dove stai andando,
Ehi gatto gatto cosa stai cercando,
su quel ramo in cima al mondo
stai attento che cadi giù,
torna subito da me.

Ehi mama mama accendi la tivù,
in televisione c’è il gatto che ami tu.
E’ salito sull’antenna cercando quell’uccello che
da una settimana svolazza qua e là.
Passami il fucile che gli sparo, vediamo se così
smette di provocare il povero Mimì

Ehi mama mama se non mi aiuti tu
Ehi mama mama non scenderà mai più!Ehi mama mama se non mi aiuti tu
Ehi mama mama non scenderà mai più!

Questa vita che non ha colore,
questa luce che non dà calore,
questa notte piena di rumore,
questi giorni vuoti senza amore,

sono stanco di girare armato,
non ne posso più di questa guerra,
vorrei essere un poeta,
per parlare solo dell’amore…

Ma i poeti, tu lo sai,
no, non parlano solo di rose,
vanno in giro armati di parole
e incendiano i roveti,

sanno essere blasfemi,
incidere parole dentro alla carne
e distruggere i nostri sogni,
per andarsene ridendo….

Mentre noi mortali sprechiamo le parole
bruciate dal sole, sputate contro i muri,
io vorrei essere solo un poeta
per poter raccogliere quelle parole
e trasformarle in cascate di vino
così da sommergere questo pianeta
e affogare i poeti che non sanno
fare miracoli anche quaggiù.

Guardo intorno sulla terra,
trovo solo fame, sete e guerra,
alzo gli occhi verso il cielo
sento solo un grande gelo,

ma i poeti sanno cosa dire,
fanno solo finta di dormire,
sanno che la vita è spazzatura
e il sorriso non gli fa paura…

Questi poeti, da veri maledetti,
riempiono parole con i significati,
rovesciano medaglie, ci lasciano confusi
e sanno parlare al cuore delle donne

e vorrei essere anch’io un poeta
per raccontare di nuovo la vita,
vorrei trovare le giuste parole per
fare miracoli anche quaggiù…

Mio caro amico, come vedi sono
anch’io rimasto a piedi, proprio come te!

E mi domando fino a quando noi
dovremo stare qui a mangiare quello che

il mercato ha mischiato nel ragout,
per servircelo da Roma a Timbuktù!

Otto son gli imperatori che decidono le
cose che dovremo poi mangiare noi,

ma lo fanno per il bene del mercato, che si
è globalizzato per mostrarci che

se c’è un buco dell’ozono, in fondo sai,
che la colpa ce l’abbiamo tutta noi.

Omologazione, globalizzazione,
multinazionali, farine animali.

No, non ci sto, l’O.Gi.emme non mi va giù!
E il tuo hamburger, se ti piace te lo mangi tu!

Se la mucca è pazza, noi che la mangiamo,
ditemi cosa siamo, cosa siamo noi!

Omologazione, globalizzazione,
multinazionali, farine animali.

E il buco dell’ozono, epidemie, clima, inquinamento,
se la mucca è pazza, non è mica colpa sua,

sono peggio i contadini, che le danno quei mangimi
e gli industriali con le farine animali!

No, non ci sto, l’O.Gi.emme non mi va giù!
E il tuo hamburger, se ti piace te lo mangi tu!

Se la mucca è pazza, noi che la mangiamo,
ditemi cosa siamo, cosa siamo noi!

No, non ci sto, l’O.Gi.emme non mi va giù!
E il tuo hamburger, se ti piace te lo mangi tu!

Se la mucca è pazza, noi che la mangiamo,
ditemi cosa siamo, cosa siamo noi!

Se la mucca è pazza, noi che la mangiamo,
ditemi cosa siamo, cosa siamo noi!

Musica, che viene da sola,
limpida, come acqua chiara,
e – e non so dov’è.

Sento un grande silenzio,
che – e mi circonda,
e – e tu sei qui.

E – e allargo le braccia a ballare con te…

Sento le voci, un’eco lontana,
sento frusciare vestiti leggeri,

che mi riportano indietro nel tempo,
a quando l’oggi non era già ieri, e

vedo le immagini, di un altro tempo,
vedo gli amici e vedo i colori,

vedo l’estate coi suoi nuovi amori,
e, soprattutto, rivedo te…

Nuvole, all’orizzonte,
giocano, coi raggi del sole
e – e io sono qui.

Sento profumi nel vento, come
rondini di primavera
che – e ritornano qui.

E – e allargo le braccia a balla re con te…

E la rugiada sul gambo dei fiori,
fili di perle che sullla tua pelle

disegnano intrecci, insieme ai colori,
come in un cielo trafitto di stelle,

che mi riportano indietro nel tempo,
a quando l’oggi non era già ieri,

vedo l’estate coi suoi nuovi amori,
e, soprattutto, rivedo te…

Fili di terra ti escono dagli occhi,
aghi di cielo, inutili frammenti,
occhi bruciati da un sole carogna,
occhi smarriti, senza allegria,
occhi annacquati dalla tua vergogna,
occhi appannati dall’ipocrisia

Arrampicando per inutili sentieri,
cercando luce dove luce non ce n’è,
cercando il sole che ti illumina i pensieri,
cercando vita dove vita non ce n’è,
cercando luce dove luce non ce n’è,
cercando vita dove vita non ce n’è,

Nina prendi questo cuore fra le tue mani,
Nina che ricami e cuci,
Nina spegni queste luci,
Nina che sente le voci,

Nina sdraiata per terra,
Nina con gli occhi rigati di pianto,
fammi riposare sul tuo fianco,
fammi riposare sul tuo fianco!

Vedi brandelli di una vita
persa giocando ai dadi,
e intanto muti testimoni
ridono con occhi di serpente

Fra le montagne che nascondono i pensieri,
volano sogni che ti portano da lei,
sorrisi amari che pian piano vanno giù,
vanno giù come questo pane, pane di libertà,
cercando luce dove luce non ce n’è,
cercando vita dove vita non ce n’è.

C’è un merlo nel giardino che saltella su e giù
COSA MI RACCONTI, NON VEDO NIENTE SAI
Quatto quatto viene il gatto, lo cattura là per là
NON DIRE GATTO SE NON L’HAI NEL SACCO

Forse non mi credi, ma è la verità
BUGIE NE RACCONTI, MA QUESTA NON LA BEVO SAI
Non appena ti avvicini te lo mostro così crederai
NON DIRE GATTO SE NON L’HAI NEL SA!

Sacco di patate, sacco di farina gialla come te!
COSA STAI DICENDO MAI, PUOI SBAGLIARE PURE TU
Dentro il sacco c’era un gatto, che rideva come un matto!
METTI IL SACCO DI PROFILO, C’E’ UN MERLO APPESO A UN FILO

Sono tutte scuse, ma non mi arrendo sai
NON ACCETTI LA SCONFITTA, TI COMPORTI DA BAMBINO
C’era un merlo nel giardino, ora invece non c’è più!
NON DIRE GATTO SE NON L’HAI NEL SA!

Sacco di patate, sacco di farina gialla come te!
NON DIRE GATTO SE NON L’HAI NEL SACCO
Dentro il sacco c’era un gatto, che rideva come un matto!
NON DIRE GATTO SE NON L’HAI NEL SACCO

I tuoi passi da elefante l’hanno spaventato sai
NON DIRE GATTO SE NON L’HAI NEL SACCO
C’era un merlo nel giardino, ora non c’è più
NON DIRE SACCO SE NON L’HAI NEL GA!

C’è un merlo nel giardino, sta ridendo dietro a te!
C’è un merlo nel giardino, sta ridendo dietro a me!

Cerchi solo le persone che ti pare, non sai mai
Ami fare solo quel ch’è proibito, non sai mai
Non sai mai quello che che si deve fare, non sai mai
Non sai mai quando te ne dovevi andare, non sai mai
Non sai che son pericoloso, forse non lo saprai mai,
in fondo siamo noi bastardi quelli che prima o poi finiscono nei guai!

Perdi sempre le occasioni per tacere, non sai mai
Lascia stare tutto, no non ti mischiare, non sai mai
Ora tu non sei più la bambina che, non sei più,
la bambina che giocava insieme a me, non sei più
No, non star così vicino, lascia perdere i bastardi, quelli come me
No, non fare l’infermiera, non giocare con il fuoco che ti brucerai!

Io sono solo un uomo che non vuole mai soffrire
e l’amore, quello vero, no con me non ha futuro
Io sono solo un gallo che si vuole divertire
Io cerco le galline per giocare la partita come piace a me!

Vedi in fondo che no, no, non mi sbagliavo, quando ti dicevo che,
anche un gallo può soffrire per amore, ma tu non mi credi mai
Sono tutto strano, sono un po’ ammalato, sono proprio pazzo di te,
no non è normale per un gallo che, un gallo come me
Ora chi lo dice con il mio dottore, che mi sono innamorato di te,
ora chi gli dice che ci son cascato, un gallo come me!

Forse una puntura, forse all’Ospedale sanno quello che ci vuole per me
Guarda che casino che mi hai combinato, non sai mai
Guarda che mi sono proprio innamorato, non sai mai,
sarò pure un gallo, ma mi hai fregato, non sai mai
Non sai mai quello che che si deve fare, non sai mai
Non sai mai quando te ne dovevi andare, non sai mai!

E io che non so più co co come finire non so più
E io che non so più chi chi chi chi pregare non so più
E se si provasse a contare uno, due, tre uno, due, tre
E se si provasse a contare uno, due, tre uno, due, tre
Uno, due, u n o, due
Uno, due, uno, due, tre!!

Questo cielo carico di stelle,
questo vento qua sulla tua pelle,
queste nuvole che vanno qua e là,
son serpenti che divoran le città,

e tu stai fuggendo come me,
stai cercando un’altra realtà.

Troppe volte siamo stati in mezzo ai boschi noi,
per sapere che il silenzio non esiste più,
ai confini delle nostra civiltà
troveremo nuovamente le tribù.

E il vento sopra noi
porterà nuove storie ormai.

Se fosse solo un sogno
ti direi di andartene di qua,
ma non ce n’è bisogno,
anche tu sai dove sta la verità.

Questo cielo carico di stelle,
questo vento qua sulla tua pelle,
questo sole che non riesci più a vedere,
questa luna che non scalda come il sole.

Questo cielo carico di stelle,
questo vento qua sulla tua pelle,
questo sole che non riesci più a vedere,
questa luna che non scalda come il sole.

‘O piscatore,
jetta ‘e rezze
‘nmiez’ ‘o mare,
ma,
nun me scetà,
lassame sunnà
sotto ‘stu cielo,
grande comme ‘o mare.

‘Stu sole ca te brucia
into a ‘e vene,
comme a nu fierro
ca te sana ‘e ferite

‘sta luce ca te
trase int’all’anema
e nun lassa cchiù pensa’
e pene toje.

‘Stu cavero addà passà
e passarrà,
‘stu juorno addà fernì
e finarrà.

‘Stu cavero addà passà
e passarrà,
‘stu juorno addà fernì
e finarrà.

‘Sta luna
ca’ t’arriva ‘a luntano
e s’appiccia
into’o scuro d’ ‘a nuttata,

‘n coppa a ‘o mare
ca ripiglia a suspirà,
int’o silenzio
d’ ‘a sera profumata

‘O piscatore
s’addorma,
e nun vede
‘o pesce int’o mare,

ca viene fuori
a pazzià,
alla luce della luna.

E chesta luna,
into a l’acqua
comme a na funtana,
fa scintille ‘e luce
tutto attuorno,
ca pare quase juorno,
pare quase juorno,
pare quase juorno,
pare quase juorno. (ad libitum)

So, you know,
my life without you
is really useless.

Certainly you,
surely fragile,
are strongest than me.

Only you
can forgive myself,
how could I live
this life without you.

So, with you,
now I am really free,
like a cloud.

You and me,
we are looking
at the sky,
that lighten your face,
like a star
shining in the night,
like a voice
resounding in myself.

All the time
wasted through my fault,
Goodness knows
where is gone,
but now it’s alright,
now it’s really alright…
this night there is
no more confusion,
I wonna tell you
that I need your love,
like the bread
needs the wein,
like the fire
needs the fireplace…

Only you
are just the only one
unreachable,

now you are
just inside my soul,
like a star,

you are shining
in the night all around,
as the light
that I was
lookin’ for myself…

In this evening
of this springtime,
your breathe,
with my breathe…

Ore fragili che
si portano via
pochi spiccioli uniti
da un filo sottile,
piccoli frammenti
intessuti di malinconia,
bianche ragnatele che
confondono la fantasia.

Sogni teneri si
nascondono in fondo,
come pietre preziose
da conservare,
e soltanto la notte
si potranno raccontare,
quando manca il coraggio,
il coraggio di mentire.

Come d’incanto
in questo cielo
senza stelle e
senza vento
una luce che
mi guida nell’oscurità…
Armonie si perdono
nel fondo dell’oceano
come un vento che
la notte guiderà nel
fondo di un bicchiere
che conserva le memorie
e le domande decadute
nel raccogliere le nostre storie.

Solitudine, compagna
nella vita come nella morte,
questo specchio che
mi costringe a
fare i conti
con la mia sorte.
Uno specchio
che parla
di quello che sono stato,
una vita che mi
lascia solo nel
vuoto infinito
di questo giardino.

E io che mi domando
dove sono le rose
e intanto che giro lo sguardo
mi trovo in ginocchio
a chiedere perdono.
Ave Maria,
Mater misericordiae,
Gratia plena,
Domine teco et cum spirito tuo,
Ave Maria, Ave Maria, Ave Maria, Ave Maria…

Parlami di te
dimmi cosa c’è

forse neanche tu
sai se c’è un perché.

In questo giorno che scivola
piano, io mi chiedo cos’è che non va.

Guardo più in là
per non guardarti, ma

vedo solo te
e non so perché.

Se contasse potrei andar
lontano, se contasse io ti direi ti amo…

Ma anche se io potessi raggiungerti
nei pensieri più segreti che tu non vorresti ammettere mai

io vorrei dirti che, se ci fosse un domani per noi,
non sarebbe una parentesi in più, come quelle che fai sempre tu.

E siamo qua,
coi nostri pensieri,
coi nostri desideri
che dicono già,
in questo giorno che scivola
piano, mi sorprendo a dirti ti amo…
E adesso tu, ora che sai davvero il perché
dei silenzi che avevo con te, puoi decidere quello che vuoi
E lo sguardo che hai, conta più di un discorso che mai
io saprei fare meglio di te, di quegli occhi socchiusi per me.

Ieri sera in riva al mare
tempesta di sabbia che spegne la luce,
alberi immensi si perdono nel buio,
voci soffocate mandano segnali.

E si chiude così
la partita fra noi due che
non sarà, no non sarà, non sarà, no non sarà,
non sarà, no non sarà come volevi tu.

E non capisco se questa tempesta di
sabbia è venuta da sola col vento
o l’abbiamo creata noi con le
nostre parole sputate per terra

Parole, parole, creano sistemi,
sono piene, sono vuote, portano problemi,
parole, words, talking about nothing,
tante parole, e niente da dire.

Ma io invece qui sto
cercando una verità che
non sarà, no non sarà, non sarà, no non sarà,
non sarà, no non sarà come volevi tu.

Questa dannazione che mi costringe a cercare
dentro le parole, oltre le parole
nuovi orizzonti sempre più lontani
nel freddo di una sera da dimenticare.

Ma cosa sono queste parole
che riempiono l’anima
sono fatte di acqua e di sole
terra e ghiaccio, così come te.

Parole, parole, creano sistemi,
sono piene, sono vuote, portano problemi,
parole, words, talking about nothing,
ta-ta-talking just about nothing,
no-no-no-no-nothing just about talking,
ta-ta-ta-ta-talking just about nothing,
no-no-no-no-nothing just about talking,
ta-ta-ta-ta-talking just about nothing,
no-no-no-no-nothing just about talking,ta-ta-ta!

Last night, by the sea shore,
sand-storms which extinguished light.
Giant trees lost in the dark.
Suffocated voices sending signals.

So this is how it ends
The chapter between us two which
will never be, no, never be, will never be, no never be,
will never be, no, never be as you wanted it to be.

And I don’t understand if this sandstorm
came naturally with the wind,
or if it was generated by us
through our words spat onto the ground.

Words, words creating systems,
meaningful, empty, bringing problems.
Words, parole saying nothing,
many words but nothing to say

And here I am,
searching for a reality which
Will never be, no, never be, will never be, no, never be
Will never be, no, never be as you wanted it to be,

This curse which forces me to search within
the essence of words, or beyond words,
for new horizons even more distant
in the cold of a night better forgotten.

But what are these words
that fill the soul,
they are made up of water and sun,
of earth and ice, just as you are

There is a painful silence
among the forests which reach out
over the hills, like vestals
bearing
perfume, here into the night, from a time which
will never be, no, never be, will never be, no never be,
will never be, no never be as you wanted it to be.

Words, words creating systems,
meaningful, empty, bringing problems.

Words, parole saying nothing
Ta-ta-talking about nothing, no-no-nothing to say.

Ci sono momenti che ti senti fuori,
ci sono momenti che ti chiedi perché
tutto sembra andare come gli pare,
tutto sembra fatto apposta contro di te

Nubi radioattive nel giardino di
casa tua e ti chiedono perché tu non
vuoi smetter di fumare per portare un buon
esempio a quelli che verranno poi…

Ee son tanti che ti chiedono perché
e la risposta, quella non la so
perché, perché, perché, perché così,
perché, perché, perché, ma perché no – o
perché no – o

Ehi, ma cosa devo dire,
ehi, ma cosa devo fare,
ehi, ma cosa devo dire,
ehi, ma cosa devo fare,
in questo mondo dove
conta solo quel che hai,
in questo mondo dove non
conta quel che sei.

Se ti guardi intorno trovi tanti amici
che ti vogliono insegnare come si fa,
per ogni problema han la soluzione,
tutte le risposte che fanno per te

Mentre sto morendo nel giardino di
casa mia, mi chiedono perché io non
voglio smetter di lottare contro quelli che
distruggono amore e poesia…

Ee son tanti che ti chiedono perché
e la risposta, quella non la soperché, perché, perché, perché così,
perché, perché, perché, ma perché no,

perché, perché, perché, perché così,
perché, perché, perché, ma perché no,

perché, perché, perché, perché così,
perché, perché, perché, ma perché no – o

Prendo in mano un libro, l’apro a caso e scopro che
tutte quelle pagine mi parlano di te,

ma cosa devo fare per staccare quella spina che mi porta
a – a pensare sempre a te,

ma cosa devo fare per uscire con la mente dai pensieri
che mi portano a sognare te.

Quando esco la mattina cerco solo di
essere quella di sempre, ma mi accorgo che

sorrido a tutte le persone che incontro, come se
già sapessero tutto quello che

mi sta passando per la mente mentre conto il tempo che
mi rimane per vedere te.

Come un girotondo o un’altalena
rivivo quei momenti, quei momenti che ho passato insieme a te,

così passano le ore ed i minuti, dentro
questa scuola il mio pensiero vola e va,
come un’altalena batte il cuore su e giù, mio
caro professore non puoi chiedermi di più.

Quando suona l’ultima campana io so già che
sei seduto sulla bici mentre guardi qua e là,

ma cosa devo fare per farti capire che anch’io sono
già innamorata di te,

ma cosa devo fare per farti sentire tutto quello che
i – io provo per te

e intanto sto impazzendo per
te, che sei tutto

quello che vorrei, anche
più che mai, solo

tu, più che mai, solo tu più che mai, solo
tu, più che mai, solo tu più che mai, solo…

Penso alla guerra e alle violenze che vivono dentro di noi,
e – e non c’è un perché.

Penso che l’uomo non sappia capire le cose più chiare dentro di sé,
e – e non lo farà mai.

Vento di mare che porta lontano,
gocce di sole risplendono già,
aria infinita circonda le mani,
il suo profumo che parla di lei,

giorni passati aspettando il domani,
e ogni volta qualcosa di più,
in queste notti ascoltando le voci,
le sensazioni che vivono in noi.

E le stelle nel cielo infinito,
che parlano solo di lei – ei,
queste nuvole strane bagnate di
luna che sentono già
il profumo di mare, di buona
stagione, così come lei – ei,
già mi manca il respiro pensando al
colore degli occhi suoi.

Questo brivido strano che senti la
sera senza un perché
è la primavera che torna a
fiorire e a danzare per noi,

danza, danza primavera,
danza insieme a noi,
danza, danza primavera,
danza insieme a noi.

Foglie cadute sugli argini dove spettrali figure si alzano invano,
no – oi, siamo come alberi

in attesa di un’altra stagione che faccia scordare la notte profonda,
no – oi, proprio come voi…

E io che mi credevo che fossi davvero cambiata
e io che mi credevo che fossi davvero diversa
e invece tu sei solo sei solo perversa
e non te ne frega niente di uno come me

Tu, sei quella che non vuole mai sentir ragione,
tu sei quella che non vuole mai chinar la testa,
sai far la vittima e questo ti basta
e alla fine vinci sempre solo tu,
sempre solo tu, sempre solo tu,
sempre solo tu,

ma la vita non è una partita, una
gara di sopravvivenza, una scusa che puoi fare senza,
in questo giorno incredibile di poesia,
tu non senti niente, come fossi sola al mondo,

fossi sola al mondo, fossi sola al mondo,
fossi sola al mondo, fossi sola la mondo…

E io che mi credevo che fosse davvero finita
e io che mi credevo che fossi davvero pulita,
scopro solo adesso che tu sei sempre così,
un centro di potere che non cambierà mai…

E io che mi credevo che fossi davvero cambiata
e io che mi credevo che fossi davvero diversa
e invece tu sei solo sei solo perversa
e non te ne frega niente di uno come me

Tu, sei quella che non vuole mai sentir ragione,
tu sei quella che non vuole mai chinar la testa,
sai far la vittima e questo ti basta
e alla fine vinci sempre solo tu,

sempre solo tu, sempre solo tu,
sempre solo tu, sempre solo tu…

Aah, questo cielo che parla di mare,
un cane che abbaia alla luna,
questo vento che porta qui
il profumo di balconi fioriti,
gerani assolati e te.

Eh, in queste montagne al tramonto,
l’azzurro che passa la mano,
le stelle che accendono piano
le speranze di quelli che ancora
non sanno andare più in là.

Eh, come d’incanto
il silenzio si accende e si espande
nel buio del giorno che muore,
un altro amico che
parte in un viaggio,
che non ha ritorno,
ma poi…

Mmh, per noi che restiamo qui,
le cose non cambiano mai,
però il nostro sguardo più opaco e lontano
insegue ancora chi è andato via,
è andato a guardare più in là.

Eh, in questo buio
soltanto l’incanto
di un dolce ricordo
può riuscire a mostrare il passato
congiunto al futuro,
che non è mai nato,
ma poi…

Mmh, e guardo le stelle lassù,
le sento parlare di noi,
quelli che restano qua,
quelli come me e te,
che stanno a guardare lassù,
mmh …..

Ah, this sky is speaking of the sea,
a dog is barking at the moon,
this wind is carrying here
the perfume of flowers balconyes,
sunny geraniums and you.

Eh, in those mountains at the sunset,
the blue is passing into other hands,
the stars are lighting softly
the hopes of those that
don’t know still go farther on.

Eh, as perfectly
the silence lights and wins
in the dark of the dying day,
an other friend
is going in a trip
with no way back,
but after…

Mmh, for us that are remaining here
the things will never change,
but our glance more dull and far
is still chasing who is gone away,
to look farther on.

Eh, in this dark
only the charm
of a sweet memory
can be able to show the past
linked to the future
that’s never born,
but after…

Mmh, I look to the stars up there,
that are speakin’ about us,
those who are remaining here,
those like me and you,
that are looking up there,
mmh…

In questa vita io ho creduto tanto,
ho fatto sogni di cui non mi pento,
ho fatto sbagli di cui non mi vanto,
che ho pagato poi di tasca mia,

e in fondo sogno sempre quella cosa,
di avere un mondo tutto quanto rosa,
come un romanzo che per poche lire
ti da un finale che può consolare.

Questa vita che è passata qui vicino a noi
ci ha sfiorato con le sue ali
e una promessa di libertà,
ma era solo un’illusione,
per nascondere la realtà,
come si fa con i bambini
per convincerli a dire sì.

Ci son persone che non sanno ancora
che questa vita è solo un gran casino,
una scommessa contro la sfortuna,
una risata in faccia alla tua luna,

ci son domande che non hanno senso,
ci son risposte che non han ragione.
Ci son momenti che non te la senti,
ci sono giorni che non ti accontenti

Però anche se non ci arriveremo mai,
devo dirtelo che in fondo
a me va bene anche così,
preferisco una sconfitta
che mi lasci la libertà
di guardarmi nello specchio
senza dire ma tu chi sei…

Questa vita (questa vita),
non è solo un’illusione,
non è solo un gioco,
non è tutta la realtà,
questa vita (questa vita),
è anche figlia dei tuoi sogni,
questa vita può cambiare,
basta volerlo, sai!

Questa vita (questa vita),
finché non sarà finita,
lascia ancora una speranza,
che non può morire, sai,
questa vita (questa vita),
è soltanto un’occasione,
uno spazio che ti puoi
giocare fino in fondo, sai,

(coro) questa vita (questa vita), no, non sarà finita
(voce) questa vita non sarà fi-
finché un respiro avrai…
nita finché un respiro avrai…

Tu sei come me, non sai dire no,
ma se tu lo vuoi, questo cielo azzurro come noi,

io te lo posso anche spedire dentro un pacco o una
valigia, dimmi tu come lo vuoi,
cento metri possono bastare con due giga di
aquiloni per giocare insieme a noi,

tu lo sai che non è un caso se l’arcobaleno
splende come non aveva fatto mai,
con la pioggia e col sereno sali sopra questo
treno per dimenticare tutti i guai!

Ancora non mi credi, ma mi crederai,
io con te ci sto bene come non sono stato mai
e se questo fosse vero amore tu che ne sai,
non ci resta che provare, su proviamo, dai!

Io qui, come te, non so dire no,
ma se tu lo vuoi, questa notte scura come te
io te la posso illuminare come un faro o una
lettiga, dimmi tu come la vuoi,
guarda pure dentro le mie tasche, qualche lucciola
d’amore si è perduta insieme a noi,
cerco una vera amica che mi sappia
consolare quando tutto gira male, sai
e se vuoi che te lo dica forse tu sei quella
giusta per dimenticare tutti i guai

Ancora non mi credi, ma mi crederai,
io con te ci sto bene come non sono stato mai,
amore, amore, amor c’a nullo amato mai,
amore, amore, amore, amor proviamo dai
amore, amore, amor c’a nullo amato mai,
amore, amore, amore, amor proviamo dai,

ma se tu lo vuoi,
questo cielo azzurro come noi,
io te lo posso anche spedire dentro un pacco o una
valigia, dimmi tu come lo vuoi,
cento metri possono bastare con due giga di
aquiloni per giocare insieme a noi.

Ti vedevo la sera salire sul tram
dai negozi e dai portici una luce blu
colorava il tuo viso e il tuo dolce sorriso,
come un paradiso che non so scordar.

E sentivo nell’aria il profumo di te,
fra gardenie e mimose sognavo che tu,
quasi come d’incanto, mi prendevi la mano,
dicendomi “Caro, son tutta per te!”

Ma, proprio questa sera che sono in compagnia
c’è lo sciopero dei tram e tu vieni incontro a me
e mi chiedi se vado anch’io verso il mare,
ma devo dir di no, anche se vorrei.

Poi mi invento una scusa e ritorno da te,
come in guerra in amor tutto è lecito sai,
ma il nemico è in agguato e ci scopre così mentre
stiamo parlando di andare al mar.

Due donne per me sono peggio di tre,
devo scegliere chi e decider non so.
Alla fine decido me ne vado da lì
con un’altra che mi porterà al mar.

Ahi, proprio in questo mare mi dovevo innamorare,
quanta schiuma tra le onde il pensiero si confonde,
ahi, proprio in questo mare com’è dolce naufragare
e sentire la tua voce che mi dice “amo solo te!”

Troppe volte
io sono tornato
da solo qui,
per trovarmi
a guardare il passato
e a pensare a te.
E sono sicuro che anche tu
ti sei domandata se c’è un perché,
se tutto è finito com’è cominciato,
in un battito di ali di un angelo
che no, non credeva mai
che anch’io mi fossi perduto così,
ma questa volta, sai,
purtroppo è davvero così.

E quest’amore
non è solo un fuoco, ma,
ma è un qualcosa che brucia
e una fine non ha.
Sarà un momento,
ma dura da un’eternità,
questo tormento
che arriva in fondo all’anima,
sarà un tormento
che arriva in fondo all’anima,
questo tormento
che non finisce più.

Come vedi,
io sono soltanto una nuvola
che risplende
quando il sole nel cielo la illumina.
Ma se questo sole
non brilla più
Io non so che farmene dei colori,
e guardo smarrito
lo spazio dintorno
che accoglie altri naufraghi come me.
No, non credevo mai
che anch’io mi fossi perduto così,
ma questa volta, sai,
purtroppo è davvero così.

E quest’amore
non è solo un fuoco, ma,
ma è un qualcosa che brucia
e una fine non ha.
Sarà un momento,
ma dura da un’eternità,
questo tormento
che arriva in fondo all’anima,
sarà un tormento
che arriva in fondo all’anima,
questo tormento
che non finisce più.

Hasta la vista forastero,
mi pensamiento cantando va,
hasta la vista forastero,
mi pensamiento bailando va.

Are you goin’ to the railways station
where I am goin’ too,
are you lookin’ for the Ghost-train
that never will go back,

vamos amigo donde
te lleva el corazon,
a la proxima estacion
es la revolucion…

Revolucion, revolucion,
revolucion, revolucion
es una palabra que me gusta a mi,
revolucion, revolucion,
revolucion, revolucion
es una palabra que me gusta a mi,
yo voy cantando,
voy cantando la felicidad,
yo voy bailando,
voy bailando por la libertad!

Y la manana que me gusta
yo voy cantando de mi amor,
y la manana que me gusta
yo voy bailando de mi amor,

are you goin’ to the revolution
where I am goin’ too,
are you lookin’ for the Ghost-train
that never will go back.

But the revolution
that I am lookin’ for
it’s against the violence,
it’s only peace and love…

Peace and love, peace and love,
peace and love, peace and love,
peace and love it’s a word
that I love so much,
peace and love, peace and love,
peace and love, peace and love,
peace and love it’s a word
that I love so much,
against the violence
I sing peace and love,
against the violence
I sing la felicidad,

libertad, felicidad
y la paz y el amor,
libertad, felicidad
y la paz y el amor,
verdadera revolucion
que me gusta a mi,
y la paz y el amor,
justa revolucion.

Peace and love, peace and love,
peace and love, peace and love,
peace and love it’s a word
that I love so much,
peace and love, peace and love,
peace and love, peace and love,
peace and love it’s a word
that I love so much!

Salve forestiero,
il mio pensiero va cantando,
salve forestiero,
il mio pensiero va ballando.

Stai andando alla stazione
dove sto andando anch’io,
stai cercando il Treno-fantasma
che non torna mai indietro,

andiamo amico dove
ti porta il cuore
alla prossima stazione
c’è la rivoluzione…

Rivoluzione, rivoluzione,
rivoluzione, rivoluzione
è una parola che mi piace,
rivoluzione, rivoluzione,
rivoluzione, rivoluzione
è una parola che mi piace,
vado cantando,
vado cantando la felicità,
vado ballando,
vado ballando per la libertà!

E la mattina che mi piace
vado cantando del mio amor,
e la mattina che mi piace
vado cantando del mio amor,

stai andando alla rivoluzione
dove vado anch’io,
stai cercando il Treno-fantasma
che non torna mai indietro,

Ma la rivoluzione
che io sto cercando
è contro la violenza,
è solo pace e amore…

Pace e amore, pace e amore,
pace e amore, pace e amore,
pace e amore è una parola
che amo così tanto,
pace e amore, pace e amore,
pace e amore, pace e amore,
pace e amore è una parola
che amo così tanto,
contro la violenza
io canto pace e amore,
contro la violenza
io canto la felicità,

libertà, felicità
e la pace e l’amore,
libertà, felicità
e la pace e l’amore,
vera rivoluzione
che piace a me,
e la pace e l’amore,
giusta rivoluzione.

Pace e amore, pace e amore,
pace e amore, pace e amore,
pace e amore è una parola
che amo così tanto,
pace e amore, pace e amore,
pace e amore, pace e amore,
pace e amore è una parola
che amo così tanto!

Se conto i giorni, non passano piùispida luna non cambierai maiin una valle affogata dal mareconto i miei passi per non annegare

Vedo gli amici ormai invecchiatianni passati così senza sognare
memorie antiche ci spingono a fare m – m m – mh
gli stessi errori gli stessi sentieri m – m m – mh

E forse io, e forse anche tu
e forse io, e forse anche tu
non potremo incontrarci perché
m – m m – mh
Un ricordo è prezioso, lo sai
e forse è meglio lasciarlo dov’ è

E le stagioni che passano così
come finestre aperte sul blu
E i ricordi che ricordi sono i tuoi però
m – m m – mh
conta queste mani, queste mani conta quando
battono di felicità m – m m – mh

E forse io, e forse anche tu
e forse io, e forse anche tu
forse potremo incontrarci perché
m – m m – mh

Apro gli occhi appena sveglio,
e mi giro dentro il letto.
Cerco il tuo corpo caldo,
per riprendere il contatto.
Ma il tuo posto freddo e vuoto,
mi ricorda all’improvviso,
che tu sei andata via
da una settimana ormai.

Ma che splendido risveglio,
la domenica mattina,
io che ho fatto del mio meglio
per pulire la cucina.
Stendo i panni sul fornello,
metto il latte nel bidet.
Accendo la televisione,
sta piangendo più di me.

Non c’è neanche la partita da vedere,
guarderò la lavatrice per centrifugarmi un po’!
Anche se, lo sai, mi sta scoppiando il cuore
devo buttar via quello che mi ricorda te!

Amore caro, sono qui che mi mastico una rosa,
però amore mio, ha troppe spine, non ce la faccio più!

Guardo fuori e vedo il sole,
che sorride di lassù.
Dentro casa invece piove,
io che piango anche per te.
No non sono le parole,
che mi han fatto male sai,
forse è solo il tuo profumo,
che ho bevuto insieme al thè.

Però anche se mi chiudo nell’armadio,
io sento il tuo profumo, mi perseguita anche lì.
Anche se, lo sai, mi sta scoppiando il cuore,
devo buttar via quello che mi ricorda te!

Amore caro, sono qui che mi mastico una rosa,
però amore mio, ha troppe spine, non ce la faccio più!
Amore caro, sono qui che mi mastico una rosa,
amore mio, ti scongiuro non lasciarmi qua così!

Waking up in bed
I open my eyes,
feeling for your warm body,
to touch you again.
But the place is cold
and empty where you lay,
and I suddenly remember
that you went away,
already a week ago.

But what a wonderful awakening,
on Sunday morning.
Me who did his best
to clean the kitchen.
dry the clothes in the oven,
put the milk in the bidet.
I switch on the TV
to find it’s crying more than me.

There’s not even a football match to watch, so
I’ll look at the washing machine to shake me up a little!
Although, you know my heart is breaking
I must get rid of the things that remind me of you.

Darling, here I am munching on this rose,
but the thorns are plenty, my love, I can’t go on.

I look outside and see the sun,
shining high above.
Here in the house it’s raining,
cause I’m crying for you too.
No, it’s not the words
you know that hurt me,
maybe it’s just your perfume
that I’ve drunk with my tea.

But even if I close myself in a cupboard ,
I can still smell your perfume,
it follows me even there.
Although, you know my heart is breaking
I must get rid of the things that remind me of you.

Darling, here I am just munching on this rose,
but the thorns are plenty, my love, I can’t go on.
Darling, here I am just munching on this rose
but I beg you my love, don’t leave me here like this!

Se ti conosco bene, io credo che a quest’ora
tu sei già incavolata come una pantera nella sera,
oggi è il nostro matrimonio e sono in ritardo, come sempre, eh!
Ma questa volta io so già che tu non mi perdonerai!

Se ti conosco bene,
tu – u – u
sei già sopra un altro treno che
non sai dove arriverà
e io qui alla stazione che come uno
scemo sto cercando te
e mi perdo tra gli orari e mi confondo coi
binari e i calendari, tutti uguali per me!

Ho la faccia disperata,
chi mi da una monetina,
chi mi chiede una cartina, ma
nessuno che abbia visto te!
E – e io sono qua, che mi
perdo in questa città,
provo col telefonino, ma tu l’hai
staccato e no, non mi rispondi più!

Sono un ritardatario, non arrivo mai in orario,
sono un po’ confusionario con il calendario,
ma in compenso vivo come penso e non mi sogno
neanche di pensare a une diversa da te,

m a stavolta tu non mi perdonerai,
questa volta tu mi lascerai!

Da dove viene questa voce? chi mi chiama sembri proprio tu,
io mi giro e tra i binari vedo te che stai correndo da me!

Come dici, non c’è più l’ora legale
e io che tremavo, che pensavo chissà che!!

Ma perché non ci sposiamo, così mi puoi controllare
e mi fai alzare in orario, e mi fai alzare in orario,
in orario, in orario
(Ritardatario!)

E se guardo il mio passato, sai,
quanti sbagli ho fatto, non lo so,
quanti errori in questa vita
che più nessuno può pagare ormai.
Una vita di casini
che sono anche miei,
però non mi son tirato indietro mai,
neanche un po’.

Ho imparato dagli errori miei,
oppure è stata questa vita
che mi ha insegnato delle cose
che non volevo e non so perché.
Il perché io forse non lo so,
ma ci sarà.
Una ragione forse non ce l’ho,
ma ci sarà.

Una ragione che non sarà mai
dalla parte di
chi ha vissuto tutti i giorni suoi
a dire signorsì.
Sissignore penso che così
io non sarò mai perché
non si può calmare il fuoco
che brucia dentro me.

Quando sono qui accanto a te
d’improvviso sento dentro me
il respiro del tuo cuore
che sta battendo insieme al mio perché,
Il perché io forse non lo so,
ma ci sarà.
Una ragione forse non ce l’ho,
ma ci sarà.

Sarà quest’aria da bambina,
che porti dentro te,
sarà il tempo che negli occhi tuoi
si è fermato, sai.
Quando penso queste cose
che non ti ho detto mai
voglio solo stare insieme a te,
ancor di più.

Sarà quest’aria da bambina,
che porti dentro te,
sarà il tempo che negli occhi tuoi
si è fermato, sai.
Quando penso queste cose
che non ti ho detto mai
voglio solo stare insieme a te,
ancor di più.

Io sono qui,
solo con me.
E tu non sai
quanto mi manchi adesso che
vado a stare là
in quella casa fuori città.
E tutte le volte che passerò di qua
mi torneranno in mente quei momenti che
tutti quanti ridevano di me,
perché mi trattavi in un modo che
faceva pesare la tua superiorità,
mentre io cercavo solo un po’ di umanità.

Ma com’é difficile andarsene di qua
no non é possibile andarsene così
anche per un bambino piccolo come me,
che fatica sopportare la gente come te,

e quel disprezzo che tu hai riservato a me,
come miele che si appiccica nell’anima perché
più nessuno potrà mai toglierlo da lì,
mai più, mai più.

Io sono solo un bambino,
tu la maestra, più grande di me.
Forse non ricordi quanto grandi sono i grandi
per un bambino che ti guarda di laggiù.
Ma quei genitori che sanno tutto ciò
perché non han detto qualche cosa no.
E tutte le volte che passerò di qua
io penserò alle voci di tutti quei bambini,
quando tu ti divertivi a farmi vergognare
davanti alle compagne e agli amici del mio cuore
e io che cercavo solamente di piacere,
che volevo solamente stare insieme a voi.

Ma com’é difficile andarsene di qua. no non é possibile andarsene così
da quest’edificio che mi ha visto da bambino sopportare cose che non potete immaginare,

quanto amore che non è stato dato a me, solo perché non ero quello che volevi tu,

quanto amore che non è stato dato a me, solo perché non ero quello che volevi tu.

Come sono tristi questi giorni che
mi separano da te,
sono grigi solo nella mia memoria
o sono grigi anche per te

Sto vivendo un’altra storia proprio come te
che mi prende un po’ però
maliziosamente io mi fermo qui a pensare che se
fosse un grande amore forse ce ne andremmo al mare…

Giorni fortunati in questa primavera
io non ne ho visti perché,
come accade sempre quando si fa sera,
quando il sole se ne va

io accendo una luce nel giardino a casa mia,
ma non trovo più la poesia …
a – ayah a – ayah

Guardo questi sogni che mi porto dietro
e non so neanche perché,
forse la speranza forse solo l’ illusione
di trovare u n ’ altra donna come te

acidosamente io mi fermo
qui a osservare
tutti i grandi amori che ri-
tornano dal mare…

E accendo una luce nel giardino a casa mia,
ma non trovo più la poesia …

a – ayah a – ayah

Io mi domando, mi confondo,
io mi tormento, mi nascondo,
e la poesia dov’è
e il grande amore che cos’è…

Quel silenzio
tra le parole
mi sommerge
mi travolge
fra le voci
che risuonano
fra le pagine
della memoria.

Vuoti infiniti
mi circondano
e le voci
di un’umanità
invisibile,
voci che
si nascondono.

Se questo
è un uomo,
un albero
un giorno vivrà.

E il vento mi porterà
il profumo dei pensieri suoi
e il vento mi darà
sogni di libertà.

Vento vento
che mi porti
i sogni di un’umanità,
vento vento
dimmi dove
sta la verità,
vento vento
dove vanno
tutti i sogni miei,
vento vento
dove vanno
tutti i sogni suoi.
Voci invisibili
prigioniere di
questo mondo che
ci divide così.
E viviamo qua
nascondendoci
true lies
hidden in myself.

Se questo
è un uomo,
un albero
un giorno vivrà.

E il vento mi porterà
il profumo dei pensieri suoi
e il vento mi darà
sogni di libertà.

Vento vento
che mi porti
i sogni di un’umanità,
vento vento
dimmi dove
sta la verità,
vento vento
dove vanno
tutti i sogni miei,
vento vento
dove vanno
tutti i sogni suoi.

Vento vento
che mi porti
i sogni di un’umanità,
vento vento
dimmi dove
sta la verità,
vento vento
dove vanno
tutti i sogni miei,
vento vento
dove vanno
tutti i sogni suoi…

Cuando sientes una cancion
que te abla de Maria,
olvida la tristezza,
ven con migo a bailar!
Baila baila senorita, baila junto a mi!
Baila baila senorita, baila junto a mi!

Siente este viento caliente
que nos llevarà a un mundo diferente
donde la musica suena sempre mas,
donde los suenos son la realidad!

Baila baila, baila baila baila senorita, baila baila,
baila baila, baila baila baila ba!

Como el viento que viene de allà,
como la ola de este immenso mar.
Esta noche, este mar,
esta luna, este cielo,
tu eres mi luna, yo soy tu cielo,
quiero solo bailar!

En esta noche yo voy bailando,
voy bailando con mi amor,
en esta noche yo voy cantando,
voy cantando con mi amor!

Baila baila, baila baila baila senorita, baila baila,
baila baila, baila baila baila ba!

Como el viento que viene de allà,
como la ola de este immenso mar,
es una cancion que calienta el corazon,
es mi chica que me pide, que me ruega baila mas!

Baila baila, baila baila baila senorita, baila baila,
baila baila, baila baila baila ba!

es una cancion que calienta el corazon, es mi
baila baila, baila baila baila senorita,
chica que me pide, que me ruega baila mas!
baila baila, baila baila, baila baila baila ba!

Baila baila, baila baila baila senorita, baila baila,
baila baila, baila baila baila ba!

Baila baila, baila baila baila senorita, baila baila,
baila baila, baila baila baila ba!

Era una notte
era una notte buia e tempestosa
Snoopy volava piano,
fra lampi fulmini e saette
Barone maledetto
no, non mi avrai,
barone maledetto
il mio volo non fermerai.
Proiettili impazziti
che solcano il cielo
e la mitragliatrice
che canta il suo refrain
e rido nella notte
mentre sparo a te
e rido nella notte
delle jene come te.
Qui sta diluviando,
urlano i motori,
tremano le ali,
la cabrata un giro della morte diventerà,
un giro della morte,
un giro della morte diventerà,
e la fanteria striscia
nella terra oscura,
guarda in cielo,
urla e chiama,
chiama e applaude i suoi eroi
urla e chiama,
chiama i suoi eroi,
urla e chiama,
chiama i suoi eroi

Qui sta diluviando,
penso a casa e sparo,
volo tra le nuvole,
sparo e intanto penso a lei,
siamo la leggenda,
tutto il resto sono nuvole,
siamo i nuovi miti,
siamo, siamo i nuovi eroi
Era una notte e
ra una notte buia e tempestosa
Snoopy volava piano,
fra lampi fulmini e saette
Barone maledetto
no, non mi avrai,
barone maledetto
il mio volo non fermerai
Barone maledetto
no, non mi avrai,
barone maledetto
il mio volo non fermerai
e Snoopy è vivo
e lotta insieme a noi
e Snoopy è vivo
e lotta insieme a noi!

So, you and me,
together now,
sitting in your home,
talking about the weather,
are you ready now
to go for a walk,
unforgettable the time
that I am with you.

In the kitchen
we can have another drink
and the sunshine
is smiling in the sky,
we are waiting
for the evening
on the beach,
I always love this time…

I am with you,
walking in the night
and the stars,
looking from the sky,
that forever
light of your way,

your way is my way,
and my way is your way,
your way is my way,
and my way is your way.

I am with you,
we’re together now,
looking at your life,
talking about the weather
and the moon is rising up
over the mountains faraway,
unforgettable the time
that I am with you,

and the moon
is smiling in your eyes,
our breathing
is just as one,
we are waiting
for the night,
I always love this time…

your way is my way,
and my way is your way,
your way is my way,
and my way is your way,

your way is my way,
and my way is your way,
your way is my way,
and my way is your way…

E fra un po’ arriva l’estate,
con le sue ferie già programmate
e quel mare sinuoso e profondo,
che ti senti nel centro del mondo

Sogno di ragazze che mi portano lontano,
la fantasia vola più in alto di un aeroplano
e solamente nella mente mia sei già con me,
come rondine di primavera volo insieme a te…

Sentimenti, sentimenti che si sentono col cuore come quando fuori
piove e dalle nubi spunta all’improvviso un arcobaleno,
ma dove vai con questo caldo che ti suda anche il respiro,
per favore lascia stare, lasciami sognare un altro po’,

in questo giorno d’estate,
per favore non mi svegliate,
ve ne prego lasciatemi sognare
queste donne perdute in mezzo al mare…

E se poi lei non arriva,
ma chi l’ha detto che deve tornare,
sai che scherzo un’estate senza estate,
solo nebbia, pioggia, freddo e gelate…

E il mio sogno è qui che si imbroglia,
quando sento arrivare un temporale,
ma come faccio a stare in riva al mare insieme a te,
la tempesta sta arrivando proprio addosso a noi…

ma vorrei sapere perché proprio questa sera il mio vicino taglia il prato,
un casino che rimbomba nel cortile e mi impedisce anche di dormire,
ma dove vai con questo caldo che ti suda anche il respiro,
per favore lascia stare, lasciami sognare un altro po’,

in questo giorno d’estate,
per favore non mi svegliate,
ve ne prego lasciatemi sognare
queste donne perdute in mezzo al mare…

Sono qui e penso a te
tu sei come miele per me
questa stanza dove noi
aggrappati come naufraghi

una zattera questo amore
che ci aiuta a sopravvivere
ma non vedo isole,
solo cielo, mare e nuvole.

A-ah, queste nuvole
che raccolgono i tuoi sogni più segreti
e-e come le lucciole
fanno luce e non illuminano

a-ah, questo mare che
dondolandoci ci illude così
co-on la sua musica
interminabile e ipnotica.

E tu, come me
alla deriva ormai
vivi come un sogno che mai
potrà prendere vita,

perduti in questo mare
tra le onde che si inseguono,
ma non vedo isole,
solo cielo, mare e nuvole.

A-ah, queste nuvole
che raccolgono i tuoi sogni più segreti
e-e come le lucciole
fanno luce e non illuminano

a-ah, questo mare che
dondolandoci ci illude così
co-on la sua musica
interminabile e ipnotica.

Sotto questo sole,
che silenzio fa,
polvere sui muri,
cicale qua e là
io che conto i passi,
prima di capire
che non ho speranze,
non si può guarire.

Tu, forse non lo sai, com’è
facile morire, pensando a te…

Ma vorrei sapere,
se caso mai,
ci sarà qualcuno
anche per te,
per farti soffrire,
quasi quanto me,
che non ho speranze,
non si può guarire

Tu, forse non lo sai, com’è
facile morire, pensando a te…

Sotto questo sole
sotto questo sole

Che silenzio fa
che silenzio fa

Facile morire
facile morire

Ppensando a te
pensando a te

Il passo lento delle stagioni,
che non rispettano i sentimenti,
stanze d’albergo metropolitane
che si abbracciano all’ultimo sole,
passi pesanti che marcano silenzi
e si perdono in lunghi corridoi.

Sento i tuoi passi salire da me,
guardo allo specchio e penso che tu
in fondo non sai n e a n c h e perché
ti sei trovata con uno come me,
perché in fondo io sono, come sai,
un’eterna fonte di guai!

In queste stanze illuminate dalla luna,
luna d’argento che mi fa sognare,
io sento un’eco
lontana di una voce che
mi ricorda che questi momenti
sono la premessa di nuove delusioni,
che non serve sperare in qualcuno
che non può più fare a meno di te.

Cinico e baro, questo destino
non fa regali né sconti a nessuno,
vedo farfalle con ali maestose
che non riescono più a volare
e mi accorgo che in questa partita
gioco per fare vincere te!

Ma quando vedo le tue gambe camminare,
io dimentico tutti i miei guai-ai
e sento solamente
che non me ne frega niente,
chiudo gli occhi e mi metto a sognare,
a cantare, a ballare, a volare con te,
questo mondo balordo e assetato
scompare d’incanto, ci sei solo tu!

Ma quando vedo le tue gambe camminare,
io dimentico tutti i miei guai-ai…

Quando scopri che i minuti
sono lunghi come ore,
senti all’improvviso un battito
di ali che vibrando se ne va.

E i colori dell’autunno
dentro le persiane chiuse,
come un vortice insaziabile
che ti trascina via dalla realtà…

Mentre le tue mani continuano a cercare
fra le pagine cadute dal comò,

passa il tempo come uno spazzino,
che sbriciola ricordi di persone care,
che hanno scritto una pagina per te.

E il vento soffia sul passato,
e non ricordi più chi avevi amato,
e fai confusione con chi avevi odiato.

Nella strada fuorimano,
che serpeggia fra le case,
provi una sensazione
che ti porta a una totale estraneità,
come quando eri bambino,
che sentivi il mondo ostile,
e non c’era la tua mamma a dirti
“Caro, come vedi sono qua”

E senti un brivido che gela i tuoi pensieri,
ti penetra le ossa, anche col paltò

Tenti invano di scaldare le tue mani,
cerchi la tua mamma, che non risponde più,
alzi gli occhi al cielo, provi anche lassù,

e scopri allora che la vita piano piano,
è scivolata via come stella del mattino,
come una canzone che finisce qui!

E questa sera io devo partire,
sai che partire è come morire,
io devo andare di là dal mare,
per lavorare, per lavorare.

E quando tu sarai lontana,
ti penserò più forte che mai
e questo vento mi porterà
i mille profumi che restano qua.

C’è un bastimento senza bandiere,
quando viene sera lui partirà,
io devo andare di là dal mare,
per lavorare, per lavorare.

Mentre la nave comincia a partire
io chiudo gli occhi e comincio a sognare,
per ogni sogno che porto con me
io sentirò il profumo di te.

Sul bastimento sai che tormento
pensare a casa, pensare a te,
io devo andare di là dal mare,
per lavorare, per lavorare.

La prima stella della sera,
l u n g o il cammino mi guiderà
e questa stella mi porterà
la luce chiara degli occhi tuoi.

Sarò straniero in terre lontane,
sarò da solo senza di te,
io devo andare di là dal mare,
per lavorare, per lavorare.

E quando il sole tramonterà,
e nella sera mi penserai,
guarda nel mare quel punto lontano,
pensa che un giorno ritornerò.

Mentre questa notte
non vuole terminare,
una luna che non è di Fellini,
non è dei poeti, ma,

sola e terribile,
ritaglia angoli di buio
fra speroni di rocce
e boschi profondi.

Colori e immagini
non dicono più nulla,
salvo il lento affogare del tempo
incagliato in un grumo
di polvere uggiosa …

Cosa posso sapere
di poesia se non riesco
a gustare il sapore
di questo momento da scoprire

Momento già catalogato, corroso, incatenato,
sono prigioniero di una realtà,
figlia di un ragionamento.

Queste incertezze che ti prendono
sul filo della sera,
frutto di dialoghi scadenti
fatti solo di oscenità multiple
che spargono semenza
di autori falsi
e speranze nei vicoli di leggi raffinate.

Come posso parlare
di poesia, se non riesco neppure
a gustare il sapore di questo momento …

Scivolo veloce col mio surf
lungo onde interminabili,
che non portano a niente.
L’acqua mi rincorre con la schiuma
e gli spruzzi e le risate
di un’onda colossale.
Sono un uomo solo
in un pianeta immaginario,
che mi coinvolge molto più di te.
Solo acqua e sole
e gli spruzzi e l’aria calda
mi circonda e mi allontana ancor di più.
Il tempo qui è solo un’opinione,
un concetto , una questione
senz’alcuna priorità.
Il vento che mi brucia sulla pelle
ha esaurito ogni domanda
sulla mia personalità.
La sola cosa che mi preme
veramente è sapere quando
un’altra onda arriverà,

la sopravvivenza è una
dura legge che mi impone
di pensare solamente a me!

Il mare mi circonda e porta nuove onde,
il vento viene da lontano e chissà dove va.
Sono un pirata
alla ricerca di un tesoro,
che dovrà appartenere
solo a me!
Questo muro d’acqua
è la mia casa,
la mia isola felice,
dove tu non puoi entrar!
Cerco solamente
la complicità del mare,
per provare che appartengo solo a me!
Cosa vuoi pretendere
da chi non sa fare altro
che rimpiangere il passato,
nonostante.
Non c’è proprio niente da salvare,
c’è al massimo uno scarto,
che si deve eliminare.

Io non ti chiedo proprio niente,
voglio solo stare in pace
in mezzo a questo grande mare,
non è colpa mia
se non abbiamo fatto altro
che discutere annoiarci e litigare.
Sono un pirata
alla ricerca di un tesoro,
che dovrà appartenere
solo a me!
Questo muro d’acqua
è la mia casa,
la mia isola felice,
dove tu non puoi entrar!
Cerco solamente
la complicità del mare,
per provare che appartengo
solo a me!

Swiftly gliding, with my surf-board,
over the never-ending waves
leading nowhere.
The water chases me with it’s spray
and foam, and the laughter
of a giant wave.
I’m a man, alone
on an imaginary planet,
which interests me much more than you do.
Only the sun, spray
and warm air surround me,
taking me even further away.
Time here is just a concept,
an opinion, a question
without the slightest priority.
The wind, which burns my skin,
has exhausted it’s questions
regarding my personality.
The only thing I care about,
is knowing when
another wave will come.

Survival is
a hard law, inducing me
to think only of myself!

The sea surrounds me, bringing new waves.
The wind comes from afar and goes who knows where.
I’m a pirate
in search of a treasure,
which must belong
only to me!
This wall of water
is my home,
my happy island
where you cannot enter!
I seek only
the sea’s complacency,
to prove that I belong to me alone!
What can you expect from
someone who does nothing
but regretting the past,
nevertheless.
There is absolutely nothing to save,
perhaps some left-over,
to be thrown away.

I ask nothing from you,
only to be left in peace
in this great sea
It is not my fault
if we did nothing other than argue,
bore each other and quarrel.
I’m a pirate
in search of a treasure,
which must belong only to me!
This wall of water
is my home, my happy island
where you cannot enter!
I seek only
the sea’s complacency,
to prove that I belong
to me alone!

I will remember the sunshine that I was
lookin’ through the window with you.
I will remember the light of your eyes when
I was dreamin’ with you.

And the past is just in my mind and the time has gone,
through the past I cannot live, but I can survive.

I was walking on the ground and my
mind was thinking of you,
I was flying through the sky and the
sorrow all over the world,

and the past is just in my mind and the time has gone
through the past I cannot live, but I can survive.

I can survive, I can survive,
I can survive, I can survive,
I can survive, I can survive,
I can survive, I can survive.
I – I can survive,
but the love where has gone?
I – I can survive,
but the life where has gone?

Two years ago I was playin’ in my home with my
cat on the ground all around,
two years ago I was looking the sky and my
soul was dreaming with you.

And now the love has gone and now I am alone
and now the life has gone and now I am alone

I am alone, I am alone,
I am alone, I am alone,
I am alone, I am alone,
I am alone, I am alone.

I – I can survive,
but the love where has gone?
I – I can survive,
but the life where has gone?

Coraggio senti come questa noia
ti assale anche in compagnia
e quelle facce sempre quelle
e le battute sempre così

Voglio andare in un altro posto
per scoprire nuove sensazioni
e invece mi ritrovo a bere birra
e a fumare qui insieme a te

No, non c’è tempo per un nuovo tempo
tempo, tempo, no non c’è più tempo
No, non c’è tempo per un nuovo tempo
tempo, tempo, no non c’è più tempo

In questo mondo c’è da dimenticare
in questo mondo c’è da farneticare
Spara sul mondo che ti ruba il tempo
spara sul mondo per dimenticare

E quando scopri quanto siamo soli
non ci sono birre per dimenticare
non ci sono amici che ti fanno ritornare
a quel tempo di risate amare

E quel sapore che rimane in gola
come un nodo che vorresti vomitare
è la noia che ti tiene compagnia fra
inutili risate di falsa allegria

No, non c’è tempo per un nuovo tempo
tempo, tempo, no non c’è più tempo
No, non c’è tempo per un nuovo tempo
tempo, tempo, no non c’è più tempo

In questo mondo devi ritrovare
in questo tempo devi riuscire
in questo tempo trova il tuo tempo
trova il tuo tempo non lasciarti andare

No, non c’è tempo per un nuovo tempo
tempo, tempo, no non c’è più tempo
No, non c’è tempo per un nuovo tempo
tempo, tempo, no non c’è più tempo

Questo tramonto che ti sfiora piano, non è mai
stato poi così lontano, come la
neve sui monti più alti, come le
nuvole all’orizzonte, che in un

baleno oscurano il sole
e spengono ogni colore, ma
tu non farci caso, le
stagioni passano in fretta

Come i tuoi sogni di bambina
volati via in un giorno lontano,
ora per cogliere una rosa
trema la tua mano.

In questo tempo che ti resta fai un
bilancio del tuo passato e
riaffiorano tutte quelle cose che hanno
segnato la tua vita di bambina e

ricordi quel volto senza nome, che in un
momento rubò la tua infanzia, e
ritorni a quell’attimo crudele che
non puoi dimenticare

Quante volte si usano i bambini
per superare le nostre paure
quante volte gettiamo sui bambini il
peso dei ricordi che non lasciano dormire

C’è un tempo per sperimentare,
c’è un tempo per imparare,
c’è un tempo per sperare,
c’è un tempo per perdonare …

E’ vero, costa fatica
trovare il tempo giusto,
ma forse in ognuno
c’è un posto per il perdono

E sfiori con mano delicata
i tuoi capelli bianchi
quella luce negli occhi
non è solo un riflesso

Smoke and dust in the sky,
fireball in the tower.

Through my religion I call the name of my God,
that’s the same that you pray at home.

No tears I have no time,
blood and dust in my mouth,
you are flying in the sky,
I am crying through the smoke.

Why, calling Your Name, why I am living now,
oh, You are my Lord, but I don’t understand.

I remember grass’s flavour, in my breath smoke and dust,
and the thunder of the plane, like a hurricane…

Now, in the sky, only silence,
now, on the ground, blood and stones.

Over the sky, I am with you,
in prayer with my friends, sisters, brothers
who are dead by the hand of no one man,
for no reason, to the end.
Over the sky, I am with you.

I’ll remember the eleventh of September
like the day that I was born.

No tears for my wife, no tears for my friends,
they are living in my heart, they are living in my mind,

they are living now in the story of the world,
they are living now in the glory of the Sky,
they are living now in the story of the world,
they are living now in the glory of the Sky.

Fumo e polvere nel cielo,
palla di fuoco nella torre.

Tramite la mia religione chiamo il nome del mio Dio,
che è lo stesso che tu preghi a casa.

Niente lacrime, non c’è tempo,
sangue e polvere nella mia bocca,
tu stai volando nel cielo,
io sto urlando in mezzo al fumo.

Perché, chiamando il Tuo Nome, perché ora sono vivo?
Oh, tu sei il mio Signore, ma io non capisco.

Ricordo il sapore dell’erba, nel mio respiro fumo e polvere,
e l’esplosione dell’aereo, come un uragano.

Ora, nel cielo, solo silenzio,
ora, sulla terra, sangue e pietre.

Sopra il cielo io sono insieme a te,
in preghiera coi miei amici, sorelle, fratelli,
che sono morti per mano di un “no one man”,
senza ragione, alla fin fine.
Sopra il cielo io sono insieme a te.

Ricorderò l’undici di settembre
come il giorno in cui sono nato.

Niente lacrime per mia moglie,
niente lacrime per i miei amici,
loro vivono nel mio cuore,
loro vivono nella mia mente,

loro vivono ora nella storia del mondo,
loro vivono ora nella gloria del Cielo,
loro vivono ora nella storia del mondo,
loro vivono ora nella gloria del Cielo.

Cosa posso fare se tu
hai scelto così
Neppure un pensiero per me
ma solo ricordi che poi

Questo vento che oramai
io conosco bene sai
viene per spazzare via la
tua malinconia fra

petali di rose che
hai dimenticato
piccoli ritagli
del nostro passato

E queste parole che tu
porti via con te
accenti diversi tra noi
momenti sospesi nel mai

Un silenzio che oramai
era sceso tra noi
come una bianca parete
che non lascia respiro

I minuti scavano ormai
un solco tra noi
le giornate passano già
nell’attesa del poi

Lasciati guardare
così senza parlare e
quando sarò lontano
mandami un pensiero…

Questa pioggia che mi cade attorno
è come se sapesse già come sto.
Questa notte che mi scende attorno
è come se vedesse già dentro me.

In questa notte d’inverno
io sento una voce che chiede di te.
In questa notte d’inverno
io sento una voce che chiede di me.

Questi alberi qua,
soli come me,
mi circondano, sai,
e mi parlano ancora di te.

Grandi luci si accendono
nel fondo di una strada,
che mi porta non so dove né perché,
ma da quando tu sei partita
c’è solo il silenzio e il buio per me.

Sono solo, sei andata via,
e ora qui c’è solo il buio per me.
Siamo nati dalla stessa pianta,
e ora tu mi lasci da solo qui.

Solo una foglia nel vento
che vola impazzita in un vortice
che ti porta sempre più in alto,
a sfidare le nuvole e il sole lassù.

Questi alberi qua,
soli come me,
mi circondano, sai,
e mi parlano ancora di te,

Questi alberi qua,
soli come me,
mi circondano, sai,
e mi parlano ancora di te.

Una telefonata,
non ti costa niente sai,

una semplice chiamata,
il mio numero lo sai…

Questa stanza senza te,
solo quattro pareti che

non riescono a darmi più il
senso del mistero che gli davi tu

Una telefonata, per sentire la tua voce,
una telefonata, per sapere che mi stai

pensando ancora,
che i giorni vissuti con te

non saranno soltanto un ricordo
da appendere in una cornice…

Una telefonata,
non ti costa niente sai,

una semplice chiamata,
il mio numero lo sai…

Questa vita senza te
è un deserto anche per me

e io sono come sabbia che
cerca il sole per scaldarsi un po’

Una telefonata, per sentire la tua voce,
una telefonata, per sapere che mi stai

pensando ancora,
che i giorni vissuti con te

non saranno soltanto un ricordo
da appendere in una cornice…

So, you know,
my life without you
is really useless.
Certainly you, so fragile,
are stronger than me.

No one but you
could forgive me,
how could I
live this life
without you.

So, with you,
I am really free,
like a cloud.
You and me,
we are gazing at the sky,
that lightens your face,

like a star
shining in the night,
like a voice
resounding within me.

All the time
wasted through my fault,
who knows where
it will end,
but now it’s alright,
now it’s really alright…
Tonight there is
no more confusion,
I wonna tell you
that I need your love,
like bread needs the wine,
like fire needs the fireplace…

‘Cause you,
just the only one
unreachable,
now you are
right inside my soul,
like a star,

you are shining
in the night all around,
as the light
that I was searchin’
for myself…

In this evening
of springtime,
your breath,
with my breath…

Tu lo sai,
la mia vita senza te,
è davvero inutile

forse tu,
certamente fragile,
sei forte più di me.

Solo tu
mi potevi perdonare,
io mi chiedo
come ho fatto senza te

Ora qua,
finalmente libero,
come una nuvola,

insieme a te,
guardo in alto il cielo che
splende e ti illumina,

una stella
che risplende nella sera,
una voce
che risuona dentro me.

E tutto il tempo sprecato a causa mia,
chissà dove andrà a finire poi,

ma va bene, sai,
va bene così…

in questa notte senza confusione voglio
dirti che mi sei mancata sai,

come il pane per il vino,
come il fuoco nel camino.

Solo tu,
veramente l’unica,
irraggiungibile,

tu sei qua,
proprio dentro l’anima,
come una stella

che risplende
nella notte intorno a noi,
quella luce
che cercavo dentro me

E in questa sera di primavera
il tuo respiro insieme al mio…

Una sera che si perde fra le pieghe del silenzio, senza pace ormai,
tu che stai giocando le tue ultime speranze, ma non si vince mai,

solamente la televisione sta pensando che non sono affari suoi
e continua a rimandare immagini che non ti rispecchieranno mai.

Provi a fare nuove ipotesi con la speranza che tutto cambia, ma,
ma non c’è niente da fare, solamente un cieco può non vedere che

in questa polvere sottile che ti sta soffocando ormai
stanno scomparendo tutti i sogni che portavi dentro te.

Vieni, vieni, vieni, vieni, vieni, vieni, vieni, vieni, vieni via con me,
ce ne andremo insieme, lontano di qua,

vieni, vieni, vieni, vieni, vieni, vieni, vieni, vieni, vieni via con me,
prima che sia buio tutto intorno a noi,

Ce ne andremo insieme come quando da bambini fuggivamo giù in città,
a inseguir qualcosa che non c’era qua,

cercheremo insieme il profumo di una cosa che tu chiami libertà,
una sete immensa che ti ha portata qui…

Una luce dentro gli occhi che si sta spegnendo come se non ci fosse più,
più niente da fare come quando sta arrivando la tempesta che

alle porte dell’inverno ci segnala che è finita ormai
e che quest’estate non tornerà più.

Ora che siamo soli io e te, in attesa del domani (domani),
ora che siamo soli io e te, come da bambini (bambini)…

Vieni, vieni, vieni, vieni, vieni, vieni, vieni, vieni, vieni via con me,
ce ne andremo insieme, lontano di qua,

vieni, vieni, vieni, vieni, vieni, vieni, vieni, vieni, vieni via con me,
prima che sia buio tutto intorno a noi…

Questo sole che non c’è,
solo vento intorno a noi,
come cambiano le cose
quando tu sei qui con me.

Ahi, sono già così stanco che
devo bere un po’, lasciami da solo qui.

Son seduto in questo bar
e mi bevo un vin brullé,
sto guardando le mimose
e intanto penso a te.

Ahi, mi vedo già col vestito blu,
scarpe lucide e un mazzo di fiori per te,

ahi, come scivola e rotola il tempo per noi,
è come un vortice che ci trascina con sé
e in quelle spirali che tirano giù, io
vedo già la fine del nostro amor.

Son sicuro che anche tu,
nonostante la tua età,
hai capito che fra noi
è finito tutto già.

Ahi, resto qui a guardare là,
dove finisce il mare, mentre bevo il mio brullé.

E come il vento che spazzola e rotola qui
è questo tempo che scivola e illude così

i nostri destini intrecciati quaggiù, che
vagano e rimpiangono l’amor.

E come il vento che spazzola e rotola qui
è questo tempo che scivola e illude così

i nostri destini intrecciati quaggiù, ma
sono stanco, ti saluto amor.

E te ne vai da solo sotto questa pioggia
con il tuo piccolo ombrello rosso
mentre i tuoi continuano a litigare
anche se vuoi non hai più dove andare

Che cosa passa nella tua mente a quest’ora
paure e angosce del futuro e del domani
cerchi un amico per tentare di sfogare
o forse è meglio stare soli con il dispiacere

Cosa vuol dire che lo fanno per il tuo bene
queste liberazioni sono delle catene,
cerchi un rifugio fra i tuoi compagni strani,
ma il tuo colore resta sempre e solo viola

Viola, come il rosso visto in controluce
viola, come uno strappo che non si ricuce,
viola, come il tuo colore preferito
viola, come la tristezza che ti ha aggredito

Guardi più in là fino in fondo al tuo cuore
e in quel deserto trovi solo quel colore

Quella strada piena di desideri,
quella pioggia che riempie i tuoi pensieri
cos’è il domani cosa sono queste voci,
i genitori come bestie feroci

Viola, come il rosso visto in controluce
viola, come uno strappo che non si ricuce,
viola, come il tuo colore preferito
viola, come la tristezza che ti ha aggredito

Viola, come il rosso visto in controluce
viola, come uno strappo che non si ricuce…

Voglia di piante, di foglie e di fiori,
voglia di figli e di grandi amori,
voglia di pane bagnato nel vino,
voglia di fragole e dolci canzoni

Voglia di esserti ancora vicino,
camminare con te nel giardino,
fra le piante i colori e i sapori,
parole sussurrate e tanti colori

E i bambini giocare leggeri, gli
adulti a sognare di quando era ieri
e le madri tornare bambine al
suono di voci argentine

A – a – ah
A – a – ah

E un raggio di sole ci porterà
sorrisi e parole
che non riusciamo a dire mai

Ma dove vai, questa luce intorno a noi
È solo il riflesso che tu hai in fondo agli occhi tuoi
e se tu lo vuoi, io che sono solo come te
posso lasciare questa vita che non ho amato mai

Scende la sera e la pace nel mondo,
una pace che va nel profondo,
come di chi sa che le stagioni son
fatte di luce, di nuvole e suoni

Come l’inverno che segue l’autunno
e fa nascere la primavera
e le lunghe giornate d’estate che
parlano ancora soltanto di te

Vorrei che ci fosse qualcuno che mi aiutasse,
vorrei parlarti del cielo e come i b a m b i n i giocare a volare

Vorrei sentire parole che forano il
buio con raggi di sole,
vorrei sentire il respiro perduto nei
sogni di sere stellate,
vorrei, vorrei, vorrei, vorrei,
giocare sull’erba nel sole d’estate
e tu insieme a me come due bambini,
vorrei, vorrei, vorrei, vorrei,
poterti parlare di amici
che sono tornati soltanto per noi…

Vorrei sentire la voce di sere d’estate,
di occhi incredibili che sanno
già come andare più giù nel profondo
di un cuore smarrito nel centro del mondo,
vorrei vederti dormire sul prato e
rivivere ancora l’incanto di lunghi momenti,
vorrei, vorrei, vorrei, vorrei…

Ehy man, where are you from,
Ehy man, where are you going,
all alone, in the night,
like a star lost in the sky.

‘Cause you need her love, the queen you think you own,
every moment for you is a role so hard to play,
every moment you want, you want to stay with her,
cos’ you need her life, always waiting for your time.

Your time is born again, breathe the air out there,
your time is coming now, wake up, wake up! Stand up, stand up!
Wake up, wake up! Stand up, stand up! Cast your fears away!
Wake up, wake up! Stand up, stand up! Take your life in your hands!

In September you feel like a song that nobody
wants to sing, but now everybody plays around…
Ehy man, life is a game, try to strike again!
Ehy man, surrender no more. Wake up, wake up! Stand up, stand up!

Wake up, wake up! Stand up, stand up! Cast your fears away!
Wake up, wake up! Stand up, stand up! Take in your hands your way!
Wake up, wake up! Stand up, stand up! Loose your fears away!
Wake up, wake up! Stand up, stand up! Take your life in your hands!

Ehy uomo, da dove vieni,
ehy uomo dove vai,
tutto solo nella notte,
come una stella perduta nel cielo.

Poiché hai bisogno del suo amore, la regina che tu pensi tua,
ogni momento per te è u ruolo così difficile da giocare (una partita così dura da giocare),
ogni momento tu vuoi, tu vuoi stare con lei,
poiché hai bisogno della sua vita, sempre in attesa del tuo tempo.

Il tuo tempo è nato di nuovo, respira l’aria fuori,
il tuo tempo sta arrivando, svegliati, svegliati! Alzati, alzati!
Svegliati, svegliati! Alzati, alzati! Butta via le tue paure!
Svegliati, svegliati! Alzati, alzati! Prendi la tua vita nelle tue mani!

In settembre ti senti come una canzone che nessuno
vuole cantare, che ora tutti cantano
Ehy uomo, la vita è un gioco, prova a vincere di nuovo!
Ehy uomo, non arrenderti mai. Svegliati, svegliati! Alzati, alzati!

Svegliati, svegliati! Alzati, alzati! Butta via le tue paure!
Svegliati, svegliati! Alzati, alzati! Prendi la tua vita nelle tue mani!
Svegliati, svegliati! Alzati, alzati! Butta via le tue paure!
Svegliati, svegliati! Alzati, alzati! Prendi la tua vita nelle tue mani!

Mentre io mi guardo intorno,
sta passando un altro giorno,
tu mi parli della moda.
Whisky and Soda, per me,
la signora si accontenta di un frappè.

Io mo faccio un altro giro,
tu ti guardi le vetrine
e controlli i tuoi gioielli.
Whisky and Soda, per me,
la signora si accontenta di un frappè.

Solo così posso sperare di salvarmi dalla noia
di questi giorni di vacanze insieme a te…
E le tue amiche, grandi amiche, che mi
parlano soltanto della moda, Whisky and Soda, mmh,
le tue amiche, grandi amiche, belle fiche che non
smetton di parlare, non mi lasciano pensare.
Whisky and Soda, per me,
le signore gradiscono un frappè!

Fumo un’altra sigaretta,
tu ti muovi senza fretta,
forse c’è qualcosa che non va.
Whisky and Soda, per me,
la signora si accontenta di un frappè.

Ma perché mai io dovrei cercare di cambiare
qualche cosa quando qui c’è solo caldo che mi fa
sudare già così, vedo le tue amiche,
grandi amiche, belle fiche, che non
smetton di parlare della moda

Whisky and Soda, per me,
le signore gradiscono un frappè!

Whisky and Soda, per me,
le signore gradiscono un frappè!

Wonder,
the things that you do,
you forget the past,
and the river,
that you know,
is only, only a song,
that you never sing alone…

Only for me,
you sing in the rain,
only for you,
the river is goin’ to the sea,
and the sea
is the son of the rain,
and the rain
is the son of the sea.

Beyond,
beyond the sky,
where the rainbow
is rising up,
through the light of the sun,
I am feeling need
of your light,
I am feeling need
of your life,
I am feeling need
of your song,
I am feeling need
of you.

Above the rain,
above the sun,
above the sky,
I am with you again.

Above the rain,
above the sun,
above the sky,
I am with you again,

with you again…

Yo no soy marinero
Yo no tengo el sombrero
Yo no soy marinero
Yo no tengo dinero

Guardati le indagini di mercato,
non si parla più delle persone,
siamo solamente consumatori,
percentuali senza valori.

Numeri in colonna da manovrare,
numeri divisi da indagare,
comprare, vendere, usare e commerciare,
come animali da vivisezionare.

Yo no soy marinero
Yo no tengo el sombrero
Yo no soy marinero
Yo no tengo dinero

Para ti, para mi,
para ti el corazon,
para ti, para mi,
para ti el corazon
no busca una razon,
esta noche voy a bailar,
al ritmo de esta canzion,
vamos a bailar,

Yo no soy marinero
Yo no tengo el sombrero
Yo no soy marinero
Yo no tengo dinero.

Tutto previsto e pianificato,
l’uomo non esiste è solo un bene di mercato,
non più persone, ma categorie
da incanalare nella giusta direzione,

tutti schiavi della televisione,
solo il profitto è l’unica ragione,
non mi scassare con l’umanità,
non mi tormentare con la dignità,

Yo no soy marinero
Yo no tengo el sombrero
Yo no soy marinero
Yo no tengo dinero

Yo no soy marinero
Yo no tengo el sombrero
Yo no soy marinero
Yo no tengo dinero!